Baby parking dai 13 mesi

BABY PARKING DAI 13 MESI DEL BAMBINO
Sai a cosa serve il Baby parking? Ecco a cosa serve, quanto costa e 5 motivi per utilizzare questo servizio.

Condividi il post

Il Baby parking è un servizio interessante per il nostro bambino e per noi genitori.

Compiuto il primo anno di vita ed esattamente dai 13 mesi in poi, possiamo usufruire di questa idea per far socializzare il piccolo con altri bimbi.

In particolare è utile se il bimbo non frequenta l’asilo nido dove ha già la possibilità di socializzare.

Ci sono anche altri motivi per cui possiamo usare il Baby parking.

Vediamo insieme a cosa serve, quanto costa e per quali motivi possiamo usare questo fantastico servizio.

Baby parking dai 13 mesi
Baby Parking dai 13 mesi

Iscriviti alla newsletter e ricevi il contenuto Premium "Come vivere la giornata in modo positivo"

Che cos’è un baby parking

Il baby parking è un servizio di “custodia oraria” dei bambini.

La traduzione in italiano è letteralmente “parcheggio del bambino” e… si lo ammetto, suona un po’ male, ma in realtà è un servizio utilissimo.

I più piccoli sono seguiti da educatori professionisti per tutto il tempo della loro permanenza.

Non serve l’iscrizione preventiva e il bambino può entrare e uscire con i genitori in base gli accordi presi con l’educatore.

Questo servizio NON può distribuire i pasti ai bambini e non ha il servizio mensa.

Inoltre non ha spazi obbligatori per il riposo del bambino e non prevede una frequenza obbligatoria giornaliera.

La struttura può ospitare in media circa 25 bambini contemporaneamente.

In alcune regioni c’è un limite massimo di permanenza fissato in 5 ore per ogni bambino, mentre in altre regioni vi è una maggiore elasticità in questo senso.

Il luogo ha dei requisiti sanitari da rispettare verificati dall’ASL e gli educatori devono avere l’attestato di formazione professionale per attività socio-educative.

Alcuni asili nido offrono anche il servizio di baby parking.

Queste strutture sono maggiormente presenti nelle città come Milano, Torino, Roma, ecc…mentre nelle province sono più rare…speriamo possano aumentare presto.

Cosa si fa in un baby parking

E’ un luogo dove si svolge un servizio socio-educativo e ricreativo per il bambino con operatori qualificati.

La dimensione è importante per consentire la socializzazione dei bambini.

I bambini svolgono giochi educativi e divertenti in uno spazio sicuro.

Le attività sono pensate spesso per consentire la socializzazione tra i bambini che in questo modo sono stimolati a sperimentare.

Quale età deve avere il bimbo per usare il baby parking

Queste strutture sono rivolte ai bambini dai 13 mesi in su e fino ai 6 anni di vita.

Alcune strutture offrono il servizio anche per bambini più grandi di 6 anni.

Gli orari di un baby parking

Gli orari di queste strutture possono variare ma tendenzialmente sono diurni dalle 8:00 alle 18:00.

Ci sono strutture che offrono questo servizio nelle ore serali, ma sono poche rispetto alle diurne, inoltre possono decidere di offrire tale servizio solo in alcuni mesi dell’anno.

Quanto costa un baby parking

Questo servizio si paga a tariffa oraria regolamentata a un prezzo di € 10,00 l’ora anche per periodi brevi e occasionali.

Molte strutture offrono la possibilità di un abbonamento per un tot di ore con la possibilità di tariffe inferiori.

In base al numero di ore dell’abbonamento il costo può essere da € 8,00 a € 9,00 circa a ora.

Es. Abbonamento 10 ore costo € 90,00 quindi costo per tariffa oraria € 9,00.

In alcuni casi gli abbonamenti hanno una durata di utilizzo quindi meglio chiedere prima!

La differenza tra baby parking, asilo nido e ludoteca

Il baby parking offre un servizio socio-educativo e ricreativo nei confronti del bambino mentre la ludoteca è per lo più una realtà ricreativa e giocosa.

La ludoteca mette a disposizione un’area gioco con dispositivi ludici ma non si occupa di organizzare attività socio-educative per il bambino.

Nelle ludoteche spesso è richiesta la presenza del genitore durante la permanenza del bambino, mentre nel baby parking i bimbi sono affidati agli educatori.

Per molti aspetti offre attività e operatori simili all’asilo nido ma non vi è obbligo di continuità giornaliera e d’iscrizione anticipata.

Altra differenza rispetto all’asilo nido è l’iter burocratico reso più semplice per il baby parking.

In ogni caso lasciare il bambino ogni tanto in queste strutture o dai nonni abitua il bimbo a un distacco dalla figura materna.

>> Leggi anche l’articolo “Rientri a lavoro dal congedo di maternità? 7 consigli per un distacco sereno del bimbo”.

Quali attività possono offrire i baby parking

In questo tipo di strutture spesso è presente un laboratorio creativo dove, gli educatori e gli operatori, organizzano attività socio-educative per i bambini.

Le attività sono organizzate in base al gruppo dei bambini, alla loro età e al periodo stagionale.

Alcune strutture propongono all’interno i corsi di lingue straniere per bambini, che avvengono sotto forma di gioco per i più piccoli.

Inoltre alcune strutture possono dare disponibilità per ospitare feste per bambini organizzando anche qualche attività.

Gli operatori del baby parking

Gli operatori della struttura devono presentare il proprio certificato penale e almeno due operatori, devono essere in possesso, dell’attestato di formazione professionale per attività socio-educative.

I giochi dei Baby Parking
I giochi dei Baby Parking

Iscriviti alla newsletter e ricevi il contenuto Premium "Come vivere la giornata in modo positivo"

Motivi per usare il baby parking

Ci sono diversi motivi per usare un baby parking, sicuramente il più conosciuto è poter lasciare il bambino in un luogo sicuro mentre sbrighiamo una commissione importante.

Oltre ad usare questo servizio per puro bisogno ci sono altri motivi.

I 5 motivi per usare il baby parking per il nostro bambino sono:

  1. la socializzazione con altri bambini;
  2. la possibilità di usare altri giochi per stimolare il bimbo;
  3. confrontarsi con altri bimbi e sperimentare nuove attività;
  4. decidere di lasciare il nostro bimbo solo qualche ora;
  5. in alcuni momenti può servire ai genitori per fare delle commissioni.

La socializzazione con altri bambini

Il bambino che non frequenta il nido può trovare in questo tipo di struttura un modo per socializzare con altri bambini.

Per un bambino è importante socializzare in particolare dai 18 mesi in poi perché inizia ad apprezzare e richiedere il rapporto con altri bimbi.

La possibilità di usare altri giochi per stimolare il bimbo

Ogni bambino a casa ha molti giochi ma in queste strutture spesso ci sono giochi diversi da quelli a casa.

Usare giochi differenti serve per stimolare il bambino a fare azioni differenti da quelli di casa, farli insieme ad altri bambini e in spazi più grandi.

Se il bambino non ha fratelli, impara inoltre a condividere i giochi e a capire in quali modi usarli insieme.

Confrontarsi con altri bimbi e sperimentare nuove attività

Il confronto per il bambino è utile perché è stimolato a migliorarsi.

Le attività proposte nella struttura invogliano il bambino a sperimentare cose nuove.

Le attività sono organizzate da educatori professionisti che conoscono la materia e stimolano il bambino.

Decidere di lasciare il nostro bimbo solo qualche ora

Queste strutture consentono di lasciare il bambino anche solo per qualche ora senza alcuna imposizione.

Se preferiamo, possiamo decidere di portare il bambino 2-3 volte la settimana e in base agli orari che preferiamo, naturalmente previa disponibilità della struttura.

Vuol dire che se il nostro bambino una settimana ha l’influenza, non sarà necessario preoccuparci di perdere le ore, perché anche usando l’abbonamento, le ore sono scalate in base all’utilizzo.

I momenti in cui può servire ai genitori per fare delle commissioni

In origine queste strutture sono nate con l’idea di coprire il bisogno dei genitori che dovevano sbrigare alcune commissioni importanti non avendo appoggi dove lasciare il bambino.

Capita a ognuno di noi una situazione simile almeno una volta e questo è il luogo ideale, dove lasciare il bambino in sicurezza, in modo che socializzi e si diverta con altri bimbi.

Oggi si usano anche per consentire al genitore di riposarsi un po’ durante le attività del bambino senza il pensiero di controllarlo a vista.

Anche noi genitori affrontiamo periodi in cui siamo particolarmente stanchi e questo può aiutare a rilassarci per qualche ora.

Ti è mai successo di sentirti particolarmente stanca?

Scrivimi nei commenti.

Il miglior baby parking di Milano

Il miglior baby parking di Milano è Leo e Coco – laboratori, attività e spazio genitori.

E’ aperto tre volte la settimana dalle 9:00 alle 12.00.

Il miglior baby parking di Monza

Il miglior baby parking di Monza è Asilo nido e baby parking Arcobaleno – oltre a essere un nido offre il servizio di baby parking per i bimbi non iscritti al nido.

Per maggiori informazioni bisogna chiedere al titolare della struttura.

Gli orari sono da lunedì a venerdì dalle 7:30 alle 20:00.

Mette a disposizione i propri spazi anche per organizzare feste di compleanno ed eventi connessi.

Cosa mettere nello zainetto del nostro bambino

Queste strutture non offrono spazi per i pasti e i riposino quindi prepariamo uno zainetto per il nostro bambino che ci servirà prima di entrare o all’uscita oltre al disinfettante per le mani che ormai abbiamo sempre in borsa.

Mettiamo nello zainetto del nostro bambino:

  1. zainetto fasciatoio comodo per portare ogni cosa del nostro bimbo, tipo Dikaslon per capirci, con porta pannolini – materassino fasciatoio – tasche isolanti e cinghie per passeggino;
  2. n. 2 pannolini (se li usa ancora), noi usiamo i Pillo Premium e li prendiamo da Pronto Pannolino;
  3. fazzoletti deumidificati per il cambio pannolino e per pulire velocemente le mani del bambino, noi usiamo Fria;
  4. una felpina in base all’orario;
  5. un fruttino di purea di frutta comodi da bere ovunque;
  6. qualcosa da mangiare di salutare come i Plasmon Crick con zucca, carota e rosmarino;
  7. una bottiglietta d’acqua oppure il suo bicchiere Nuk con l’acqua, tipo Nuk Magic Cup.

Conclusioni

Per noi genitori il baby parking è un servizio utile in particolare se il nostro bambino non frequenta l’asilo nido.

E’ un ottimo modo per far socializzare il bimbo in un luogo sicuro.

Permette di essere contatto con nuovi giochi e fare attività socio-educative che lo stimola nella crescita.

Aiuta il genitore a lasciare il bimbo con educatori professionisti mentre sbriga commissioni importanti.

Iscriviti alla newsletter e ricevi il contenuto Premium "Come vivere la giornata in modo positivo"

TI È STATO UTILE L’ARTICOLO? SCRIVIMI NEI COMMENTI

Condividi il post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli pubblicati

EDUCAZIONE POSITIVA: PRINCIPI E BENEFICI
Ricominciare

Educazione positiva: Principi e benefici

L’educazione positiva è una filosofia educativa che offre ai genitori un approccio alternativo verso i propri figli attraverso la comprensione e l’empatia.