Bolgheri: 5 motivi per visitarla

Bolgheri tra i borghi più belli d'Italia
Bolgheri è un grazioso borgo immerso nelle colline e il suo viale dei cipressi per raggiungerlo è ricordato nella poesia di Giosuè Carducci

Condividi il post

Ecco Bolgheri…la intravediamo alla fine di questo famoso viale alberato di cipressi citato da Giosuè Carducci nella sua poesia, “Davanti San Guido”.

Capisco anche il motivo della sua ispirazione perché questo viale è davvero affascinante!

Un piccolo borgo che inizia dalla sua porta con poco più di 130 abitanti e immerso nelle silenziose colline di Castagneto Carducci.

Conosciamo meglio questo piccolo borgo e i motivi per visitarla.

Bolgheri: 5 motivi per visitarla
Bolgheri: 5 motivi per visitarla – Porta con lo stemma del borgo

Iscriviti alla newsletter e ricevi il contenuto Premium "Come vivere la giornata in modo positivo"

Dove si trova Bolgheri

Bolgheri si trova in Toscana ed è una frazione del comune di Castagneto Carducci in provincia di Livorno.

Si trova a circa 25 minuti di strada da Piombino quindi può essere una meta facilmente raggiungibile per una gita anche da qui.

>> Leggi anche l’articolo “Piombino: cosa vedere in 5 giorni”

Perché è famosa Bolgheri

Questo piccolo borgo è famoso grazie al poeta Giosuè Carducci e alla famiglia Della Gherardesca che ha fondato il Castello di Bolgheri, costruito nel XIII secolo e il Castello di Castiglioncello di Bolgheri poco distante dal borgo.

La casa dove ha vissuto Giosuè Carducci per un periodo della sua vita, si trova a Bolgheri.

Il poeta ha scritto una poesia, “Davanti San Guido”, ispirato da questo luogo.

In questa poesia ha immortalato il viale dei cipressi, l’Oratorio di San Guido e la figura della sua amatissima nonna Lucia.

La famiglia Della Gherardesca ha eretto un piccolo obelisco in onere del poeta che oggi possiamo vedere all’inizio del viale dei cipressi.

All’interno del borgo possiamo vedere un monumento in ricordo della nonna Lucia, sepolta nel piccolo cimitero monumentale.

Oggi Bolgheri è famosa per la sua Oasi naturale del WWF e per la produzione dei vini rossi toscani.

Cosa vuol dire Bolgheri

Il nome del borgo deriva da un insediamento militare di Bulgari alleati dei Longobardi.

L’insediamento si trovava in questa posizione difensiva contro un possibile sbarco dei bizantini provenienti dalla Sardegna.

Cosa fare una giornata a Bolgheri

Il borgo è piccolo ma molto accogliente con le sue piccole stradine ricche di vasi di fiori colorati alle finestre che le rendono pittoresche.

Lungo le pareti delle case qualche panchina e sedia ci accolgono per una gradevole chiacchierata.

Attraversata la porta del borgo, troviamo sulla destra la graziosa Chiesa dei Santi Giacomo e Cristoforo, costruita all’inizio dell’Ottocento e restaurata nel Novecento.

Poco distante dal borgo possiamo vedere il Castello di Castiglioncello di Bolgheri fondato nel 780 e diventato fortezza grazie alla famiglia Della Gherardesca.

Poco distante dal centro possiamo visitare il Rifugio Faunistico di Bolgheri riconosciuto Oasi WWF.

Sono 500 ettari di parco, dove vediamo la Maremma del passato, prima delle bonifiche avvenute nell’Ottocento.

Iscriviti alla newsletter e ricevi il contenuto Premium "Come vivere la giornata in modo positivo"

Il viale dei cipressi

Il viale dei cipressi è una strada nel comune di Castagneto Carducci che si trova nel cuore della Maremma livornese e che porta al borgo.

Il viale è un lungo rettilineo di quasi cinque chilometri, circondato su entrambi i lati da cipressi secolari.

Il viale collega l’oratorio di San Guido al centro storico di Bolgheri.

Questo viale che ha ispirato il poeta Carducci, merita assolutamente delle foto!

BOLGHERI VIALE DEI CIPRESSI
Bolgheri Viale dei cipressi

Il Borgo medioevale

Il borgo medioevale è piccolo e raccolto ma davvero grazioso.

Dobbiamo lasciare l’automobile in uno dei parcheggi esterni ed entrare a piedi.

Oltrepassata la porta del borgo, ci sentiremo in un’altra epoca storica.

Borgo di Bolgheri
Borgo di Bolgheri

Le piccole vie sono ricche di negozietti, enoteche e ristoranti tipici per un aperitivo o un pasto nel borgo.

Il vino locale DOC del luogo è considerato un’eccellenza a livello mondiale…come il pregiato Sassicaia, quindi se siete amanti del vino, non dimenticate di assaggiarlo e portare a casa una bottiglia.

Il castello medioevale lo vediamo arrivando alla porta del borgo perché la sovrasta.

In passato il castello è appartenuto alla famiglia Della Gherardesca e oggi ospita cantine vitivinicole nella parte inferiore.

Sulla porta vediamo ancora lo stemma dei Conti Della Gherardesca, e oltrepassandolo troviamo sulla destra la Chiesa dei Santi Giacomo e Cristoforo.

Questa Chiesa è l’edificio più antico del borgo di epoca medioevale e per quanto piccola conserva ancora i suoi affreschi in modo ottimale.

Pochi metri più avanti ci troviamo in Piazza Alberto e dove si trova l’abitazione in cui visse per un periodo il poeta Giosuè Carducci, la riconosciamo dalla targa sul muro in sua memoria.

Nella stessa piazza possiamo vedere la statua che raffigura l’amata nonna Lucia che è sepolta nel cimitero del paese, poco fuori il borgo.

Bolgheri Chiesa SS Giacomo e Cristoforo
Chiesa SS Giacomo e Cristoforo di Bolgheri

Il Castello e la sua storia

Il castello di origine medioevale diventa proprietà della famiglia Della Gherardesca dal XIII secolo.

La facciata fu ristrutturata nel 1895 su disegno di Tito Bellini e fu realizzata la torre merlata all’ingresso del paese.

Il castello è formato da diversi corpi di fabbrica attorno al nucleo originario.

La torre dalla pianta rettangolare che si trova adiacente alla porta del borgo è il corpo più caratteristico.

L’arco d’ingresso della porta presenta ancora oggi lo stemma dei Della Gherardesca e più in alto vi sono due bellissime finestre bifore.

L’interno del castello non è visitabile perché oggi è adibito ad abitazione.

La casa dove visse Giosuè Carducci

All’interno del borgo, in Piazza Alberto si trova l’edificio, dove ha soggiornato il famoso poeta Giosuè Carducci per circa 10 anni.

L’edificio è riconoscibile dalla targa sulle mura in memoria di Giosuè Carducci.

Nella stessa piazza, di fronte all’edificio sul lato destro, possiamo ammirare e fotografare la statua dell’amata nonna Lucia.

Bolgheri casa Carducci
Casa Carducci a Bolgheri

Possiamo visitare la casa di Carducci con un biglietto d’ingresso di € 2,00.

Orari: nel periodo invernale da metà settembre a metà giugno solo il sabato e domenica pomeriggio dalle 15:00 alle 18:00 mentre nel periodo estivo da metà giugno a metà settembre tutti i giorni escluso il lunedì sia al mattino che al pomeriggio, dalle 10: alle 13:00 e dalle 16:30 alle 19:30.

Assaggiare il vino DOC locale

Tra le cose da fare durante la visita al borgo c’è sicuramente l’assaggio del vino, considerato un’eccellenza a livello mondiale.

Il Sassicaia è uno dei vini locali DOC di Bolgheri e la sua produzione è consentita solo in una specifica zona nel Comune di Castagneto Carducci.

Questo vino è prodotto con almeno l’80% di Cabernet Sauvignon, il tipo di vite particolarmente prodotto a Bolgheri.

Il sapore di questo vino è di mora, ciliegia matura, erbe grigliate e spezie.

Il Sassicaia è un vino particolarmente costoso e con circa € 20,00 al bicchiere possiamo degustarlo, ma merita almeno un assaggio in una delle enoteche del borgo.

Considerando che, una bottiglia di Sassicaia, supera i € 100,00 e in altri luoghi difficilmente è servito al bicchiere, è una possibilità da non perdere durante la visita per gli amanti del buon vino.

Se vi fermate al borgo per un pasto e volete degustare questo vino, gli abbinamenti con il Sassicaia sono i piatti a base di selvaggina come brasati e stracotti, a base di cinghiale, faraona o anatra oppure arrosti di vitello o suino.

Puoi acquistare questo pregiato vino anche online su Amazon e per renderti conto del costo, ecco 3 bottiglie di Salsiccaia con annate differenti:

Salsiccaia 2018 0,75L Tenuta San Guido;

Bolgheri Salsiccaia DOC Tenuta San Guido 2019 0,75 l;

Bolgheri Salsiccaia DOC Tenuta San Guido 2014 1,5 l.

Sono ottimi anche gli altri vini prodotti a Bolgheri ma che hanno un costo più accessibile, li puoi acquistare anche online come:

Bolgheri Superiore DOC Bolgherese Tenuta di Vaira 2020 0,75 L;

Bolgheri Superiore DOC Campo al Mare Baia al Vento Ambrogio e Giovanni Folonari 2020 0,75 L;

Bolgheri Rosso DOC Campo al Faro 2021 0,75 L.

Cosa fare a Bolgheri con i bambini

Durante la visita al borgo possiamo fermarci con i bambini al parco giochi che si trova percorrendo il vicolo sulla destra dopo la porta che giunge in una piazzetta con una gelateria e a destra si trova il parco giochi.

In questa piazzetta c’è una deliziosa gelateria per prendere un buon gelato ai bambini prima di farli giocare al piccolo parco giochi adiacente.

Possiamo anche fermarci con i bambini al parco giochi immerso negli ulivi che si trova subito fuori il paese, in direzione cimitero dove è sepolta anche la nonna tanto amata di Carducci, Nonna Lucia.

Questo borgo è adatto per il passeggino e il tragitto per visitarlo è breve.

Va bene anche per una gita con bambini piccoli 0-3 anni usando carrozzina, passeggino leggero o marsupio

>>> Leggi anche l’articolo “Bellano: 5 cose da fare” per una vacanza con bambini.

Quando visitare Bolgheri

Il periodo migliore per visitare il borgo durante l’anno è da maggio a ottobre perché le precipitazioni sono scarse e la temperatura è calda.

Quanti km da Bolgheri al mare

Il piccolo borgo dista circa 10 km dal mare più vicino a Marina di Bibbona.

Mentre è distante circa 15 km da Marina di Castagneto Carducci.

Dove dormire vicino a Bolgheri

Vicino Bolgheri, possiamo alloggiare a marina di Bibbona o Marina di Castagneto Carducci se preferiamo il mare.

Se invece preferiamo la tranquilla zona collinare Toscana, possiamo scegliere Bibbona o Castagneto Carducci.

Possiamo sbizzarrirci sulla scelta tra appartamento, hotel, villaggio, B&B, camping, agriturismo, perché in questa zona possiamo trovare davvero ogni tipo di alloggio.

Il Comune di Castagneto Carducci

Il comune di Castagneto Carducci comprende anche Bolgheri, Marina di Castagneto Carducci e Donoratico.

Castagneto Carducci si trova sulla sommità di una collina e il suo nucleo in origine si è formato intorno al Castello dei Conti della Gherardesca e alla chiesa di San Lorenzo.

Il paese si è sviluppato secondo uno schema di anelli e da queste sono state create strade, vicoli e piazzette.

Porta ingresso al borgo e torre di Bolgheri
Porta ingresso al borgo e torre di Bolgheri

Conclusioni

Questo piccolo borgo immerso nelle colline Toscane del comune di Castagneto Carducci è una vera scoperta.

Il viale dei cipressi che parte da San Guido e arriva alla porta del borgo è affascinante.

Possiamo passare un bel pomeriggio e terminare con una cena all’interno del borgo assaporando un bicchiere di buon vino locale.

Iscriviti alla newsletter e ricevi il contenuto Premium "Come vivere la giornata in modo positivo"

TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO?

SCRIVIMI NEI COMMENTI SE DESIDERI ALTRE INFORMAZIONI SU BOLGHERI.

Condividi il post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli pubblicati

EDUCAZIONE POSITIVA: PRINCIPI E BENEFICI
Ricominciare

Educazione positiva: Principi e benefici

L’educazione positiva è una filosofia educativa che offre ai genitori un approccio alternativo verso i propri figli attraverso la comprensione e l’empatia.