Calza Befana: cosa mettere per i bambini di 1-3 anni

CALZA BEFANA COSA METTERE PER I BAMBINI DI 1-3 ANNI
Che cosa possiamo mettere dentro la calza Befana? Nella tradizione la Befana porta i dolci ma per i bambini piccoli è bene non esagerare.

Condividi il post

Che cosa mettere dentro la calza Befana?

Pensiamo a cosa mettere dentro la calza della Befana per i bambini piccoli.

Nella tradizione la filastrocca dice:

“La Befana vien di notte, con le scarpe tutte rotte, con le toppe alla sottana: viva, viva la Befana!”.

E cosa porta la Befana?

Porta i dolci ai bambini buoni e il carbone ai bambini monelli.

Per i bambini piccoli i dolci devono essere evitati fino ai 2 anni e limitati tra i 2 e i 9 anni.

Niente paura perché possiamo continuare la tradizione con la calza della Befana mettendo qualcosa che piaccia ai bambini più piccoli.

Vediamo cosa mettere nella calza della Befana per i bambini 1-3 anni.

CALZA BEFANA: COSA METTERE DENTRO PER I BAMBINI DI 1-3 ANNI
Calza della Befana: cosa mettere dentro per i bambini di 1-3 anni

Iscriviti alla newsletter e ricevi il contenuto Premium "Come vivere la giornata in modo positivo"

Che cosa mettere dentro la calza Befana

Nella tradizione, all’interno della calza Befana, ci sono dolci di ogni genere:

– caramelle

– cioccolato

– biscotti

– torroncini

– carbone dolce

– frutta secca

– e così via.

Oltre ai dolci nella calza della Befana c’è anche un dono a sorpresa per il bambino.

Ci sono tanti regalini in formato ridotto che vanno bene per una calza della Befana.

Per i bambini almeno fino a 2 anni di vita, è meglio evitare i dolci, al massimo possiamo inserire i dolcetti adatti ai più piccoli come i biscotti Plasmon o Mellin, frutta frullata Bio, purea di frutta 100%, merende a base di yogurt intero e biscotto.

Allora cosa mettere nella calza al posto dei dolci?

La cosa più desiderata dai bambini piccoli sono i regalini quindi con un po’ di fantasia possiamo rendere felice il nostro bambino.

Naturalmente uno o due dolcetti piccoli il bambino può assaggiarli, l’importante è che ci sia la presenza del genitore per controllarlo e che non siano eccessivamente dolci come i biscotti Plasmon o simili.

Cosa mettere nella calza della Befana ai bambini di 1 anno

Per i bambini di 1 anno possiamo mettere nella calza Befana qualche giocattolo per stimolare la crescita magari  in formato ridotto.

Altrimenti puoi prendere una calza Befana grande perché in commercio ci sono ormai di ogni misura per inserire un dono più grande.

Il bambino di 1 anno comincia a tenersi in piedi e ha una certa manualità per esplorare gli oggetti e afferrarli.

Ecco qualche idea da mettere nella calza della Befana per un bambino di 1 anno:

1. anelli da infilare

2. giocattoli galleggianti per il bagnetto

3. forme da infilare

4. cubi morbidi da costruire

5. strumenti musicali

6. la palla sonora

7. il libro delle prime parole

Cosa mettere nella calza della Befana ai bambini di 2 anni

A 2 anni il bambino è in grado di correre, saltare, spingere i giocattoli mentre cammina, tirare i calci alla palla, restare in equilibrio in punta di piedi.

Ecco cosa mettere nella calza Befana per i bambini di 2 anni:

1. palla morbida

2. braccialetti e collanine

3. macchinine

4. piccoli libri vocali per imparare a parlare

5. stickers o figurine con album

6. gioco con i chiodini per imparare i colori

7. libro tattile della fattoria

8. un libro sulla Befana

9. pista verticale con palline o macchinine

Vuoi altre idee?

Leggi l’articolo “Regali di Natale per bambini 1-2 anni”.

Cosa mettere nella calza della Befana ai bambini di 3 anni

I bambini crescono velocemente, a 3 anni sono già capaci di vestirsi da soli, mangiare con cucchiaio e forchetta e tenere la matita per disegnare linee e curve.

Ecco cosa mettere nella calza Befana per i bambini di 3 anni:

1. album da disegnare

2. pennarelli magici

3. Dido con le forme

4. timbri con i personaggi preferiti

5. plastilina con forme e stampe

6. macchinine con la carica

7. animali della fattori e dinosauri

8. bamboline e personaggi

9. elastici, mollette, cerchietto per capelli

10. borsetta o zainetto

11. Puzzle

Calza Befana fai da te: come preparala

In origine la calza della Befana era fai da te e ogni famiglia usava ciò che aveva per crearla.

Bastava usare una vecchia calza di lana oppure crearla con un vecchio maglione, un panno, un guanto, qualsiasi cosa da riciclare che andasse bene.

Con il tempo hanno iniziato a produrre la calza della Befana “commerciale”, per capirci quella già pronta, per la mancanza di tempo delle mamme che lavorano.

La calza Befana fai da te segue le origini e possiamo crearla fatta in casa allo stesso modo, usando vecchi calzettoni, sciarpe, guanti, tessuti e così via.

Se sei un’amante del lavoro a maglia usando la lana puoi creare la calza in tempo per la Befana.

I dolcetti da inserire li puoi fare da te in casa oppure usare i dolci che si prendono durante le feste natalizie in ogni famiglia, come i biscotti allo zenzero, arachidi, le noccioline caramellate, torrone morbido, datteri al cioccolato, caramelle, cioccolatini, frutta secca, ecc.

Prima d’inserire i dolcetti nella calza, se non sono confezionati singolarmente, è meglio metterli in una bustina per alimenti con la chiusura in modo che non tocchino direttamente il tessuto.

Ricordati d’inserire un regalino a sorpresa per il bambino, ne sarà felice!

Calza befana personalizzata: come crearla

Puoi creare facilmente la calza Befana personalizzata applicando sopra il nome o la foto del bambino o bambina.

Come scrivere il nome del bambino sulla calza della Befana?

Ci sono diversi modi per scrivere il nome o applicare la foto sulla calza come:

1. con il pennarello indelebile glitterato per tessuti

2. usando una tela da ricamo di plastica detta anche Plastic Canvas dove ricamare a mano il nome e applicarla con ago e filo sulla calza

3. ricamando a punto croce il nome o le iniziali sulla calza

4. applicando sulla calza una tasca di plastica dove inserire la foto del bambino o della bambina

5. ritagliare le iniziali del bambino sul feltro di un colore diverso della calza e applicarle con ago e filo

Quanto costa una calza per la Befana

Una calza della Befana vuota da riempire costa da € 5,00 a € 18,00 circa in base alla dimensione e al tessuto.

Una calza Befana commerciale già pronta parte da un costo di € 9,00 e arriva a € 45,00 circa.

Le migliori calze della Befana vuote da riempire

Possiamo prendere una bella calza della Befana vuota e riempirla con i dolci adatti ai bambini più piccoli inserendo il dono che preferiamo.

La calza vuota si può riutilizzare negli anni per il nostro bambino e farla diventare una piacevole tradizione.

La migliori calze della Befana vuote sono:

JOYIN 4 calze natalizie in maglia rustica dimensione 45,7 cm colore rosso e verde;

com-four 3X Calza Natalizia XL con Paillettes reversibili dimensione 42 x 22 cm;

Leipple calza Set 3-48 cm con decorazioni;

com-four 2X Premium Christmas Stocking XXL dimensioni 60 x 30 cm;

Dremisland 3 pezzi da 50 cm calze di Natale.

Iscriviti alla newsletter e ricevi il contenuto Premium "Come vivere la giornata in modo positivo"

Quando dare la calza della Befana ai bambini

I bambini ricevono la calza della Befana il 6 gennaio mattina.

Al risveglio del mattino i bambini trovano la calza appesa solitamente in un posto ben visibile al piccolo che può essere in soggiorno, sopra il camino, sull’albero di Natale, e così via.

Chi deve fare la calza della Befana ai bambini

La Befana è identificata da una simpatica vecchietta che porta i dolci e per questo è spesso associata alla nonna.

In realtà la calza della Befana è preparata dai genitori, dai nonni e dagli zii.

Qual è la vera storia della Befana

Nella tradizione cristiana, la Befana è legata alla visita dei Re Magi, giunti alla grotta per rendere omaggio a Gesù bambino portando in dono oro, incenso e mirra.

I Re Magi non riuscendo a trovare la strada, chiesero indicazioni a una vecchietta per strada.

Gli chiesero inoltre di unirsi a loro per andare a rendere omaggio a Gesù Bambino ma lei rifiutò.

Quando i Re Magi ripartirono, la vecchietta si pentì della sua decisione e preparò un cesto pieno di dolci per raggiungerli.

Non riuscendo a trovarli si fermò in ogni casa che trovava donando ai bambini i dolci con la speranza che uno di questi fosse Gesù.

Da quella notte la vecchietta fa il giro del mondo lasciando doni ai bambini per farsi perdonare.

Ti lascio un video con la simpatica filastrocca della Befana per il tuo bambino:

La filastrocca più famosa della Befana

Perché la Befana si chiama così

La “Befana” deriva dal greco “Epifania” che significa “apparizione” e “manifestazione”.

In origine simboleggiava l’anno appena trascorso ormai “vecchio” proprio come lei.

I doni sono simbolo di buon auspicio per il nuovo anno.

Qual è il vero nome della Befana

Secondo Wikipedia per alcuni, la Befana è identificata nella figura femminile di Diana, la Dea lunare legata alla caccia.

Secondo altre ipotesi è associata alla Dea della sazietà chiamata Sàtia o dell’abbondanza chiamata Abùndia.

In che paese vive la Befana

Dove vive la Befana è ancora un mistero.

In Italia la capitale della Befana è un paesino che si chiama Urbania tra le colline delle Marche.

Urbania ospita da moltissimi anni la festa della Befana, diventata ormai interesse nazionale dal 1997.

Quanti anni aveva la Befana

Si pensa che la vecchietta incontrata dai Re Magi per chiedere indicazioni per la grotta di Gesù Bambino avesse 70 anni e che quando morì Gesù avesse 103 anni.

La Befana è una simpatica vecchietta che viaggia sulla sua scopa di notte per portare a tutti i bambini dolci e doni.

Questa vecchietta è rappresentata con la schiena ricurva, il naso lungo e il mento appuntito.

La Befana indossa stracci con le toppe colorate, scarpe rotte, gonna lunga, uno scialle e un cappello solitamente a punta.

Una vecchietta poco affascinante ma tanto simpatica!

La Befana arriva di notte e si cala nei camini delle case per riempire le calze lasciate dai bambini di dolci e doni.

>> Leggi anche l’articolo “Come scegliere i vestiti di carnevale per bambini 1-3 anni”.

Chi ha inventato la Befana

Il personaggio della Befana è nato dagli antichi riti propiziatori pagani e poi è stato eredito dagli antichi Romani.

Perché si festeggia la Befana il 6 gennaio

Il 6 gennaio è il giorno in cui Gesù Bambino fu mostrato in pubblico per la prima volta e in cui i Re Magi durante la visita gli portarono i doni di oro, incenso e mirra.

Perché la Befana porta i dolci

La Befana porta i dolci a tutti i bambini del mondo per farsi perdonare di aver rifiutato di rendere omaggio a Gesù Bambino la notte in cui incontrò i Re Magi.

Il racconto della Befana ai bambini piccoli

La Befana inizia a prepararsi dal primo dell’anno in modo da essere pronta per il giro di tutti i bambini del mondo nella notte tra il 5 e il 6 gennaio di ogni anno.

Prepara la sua vecchia scopa e controlla che sia pronta al lungo viaggio.

Prepara i suoi vestiti di stracci e toppe colorate, la sua lunga e larga gonna scura, il suo cappellaccio con la punta.

Infine prepara il suo enorme sacco con i dolci di ogni tipo e i doni per i bambini di tutte le età.

Un’ultima controllata allo specchio per vedere se ha tutto e via!

Si parte per il giro durante il quale si fermerà in ogni casa.

Attraverso il camino o le finestre entra nelle case durante la notte per riempire le calze lasciate dai bambini.

La Befana lascerà doni e dolci ai bambini che hanno fatto i bravi durante l’anno e il carbone ai bambini che hanno fatto i monelli, quindi attenzione: tu hai fatto il bravo o il monello?

Conclusioni

La calza della Befana è una tradizione che si tramanda da secoli e piace molto ai bambini.

Abbiamo visto cosa possiamo mettere nella calza Befana per i bambini piccoli di 1-3 anni per renderli felici.

Quale calza possiamo usare e come prepararla da riempire con i dolci più adatti ai piccoli.

Infine vi ho raccontato qualche curiosità sulla più famosa vecchietta del mondo…la Befana!

Iscriviti alla newsletter e ricevi il contenuto Premium "Come vivere la giornata in modo positivo"

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? SCRIVIMI NEI COMMENTI

Condividi il post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli pubblicati

EDUCAZIONE POSITIVA: PRINCIPI E BENEFICI
Ricominciare

Educazione positiva: Principi e benefici

L’educazione positiva è una filosofia educativa che offre ai genitori un approccio alternativo verso i propri figli attraverso la comprensione e l’empatia.