5 Lettini per bambini

LETTINI PER BAMBINI E COSA SAPERE
I lettini per bambini sono il passo successivo alla culla del neonato. Quali lettini possiamo scegliere per il nostro bimbo e cosa dobbiamo valutare.

Condividi il post

Quali lettini per bambini ci sono e quando possiamo metterci a dormire nostro figlio.

Siamo arrivati a scegliere il lettino e vuol dire che il nostro piccolo sta crescendo.

Dalla culla o la navicella lo possiamo spostare a dormire nel lettino.

Crescendo il bambino ha bisogno di maggiore spazio.

Inizia a muoversi, girarsi e mettersi in piedi e la culla diventa piccola.

Possiamo decidere di tenere il lettino nella nostra stanza matrimoniale per controllarlo e non avere un distacco rilevante oppure scegliere di mettere il bambino a dormire nella cameretta.

Vediamo quali lettini per bambini possiamo valutare e cosa sapere per la scelta migliore.

LETTINI PER BAMBINI
Lettini per bambini

Iscriviti alla newsletter e ricevi il contenuto Premium "Come vivere la giornata in modo positivo"

Che differenza c’è tra culla e lettino per bambini

Che differenza c’è tra le culle e i lettini per bambini?

Ti rispondo subito.

Per il neonato si usa la culla o la navicella imbottita per creare un luogo circoscritto e accogliente.

Il neonato ha bisogno di avvertire i confini per sentirsi al sicuro e protetto inoltre le dimensioni consentono facilmente di tenerlo di fianco al lettone per controllarlo.

Molti genitori usano il lettino per bambini da subito con il riduttore del lettino altri dopo i primi mesi di vita.

Crescendo il bambino inizia a fare i primi movimenti e richiedere maggiore spazio.

L’uso del lettino dipende anche alla crescita emotiva e fisica del piccolo.

E tu cosa quale scelta hai fatto per i primi mesi del tuo bambino?

Scrivimi nei commenti.

Da quando i bambini possono dormire nel lettino

I lettini per bambini si possono usare dai 6 mesi circa di vita in su.

Dipende dalla crescita del bambino e dalla sua necessità nei movimenti.

Quando iniziano a muoversi hanno bisogno di più spazio per sperimentare e il lettino è più adatto.

>> Leggi anche l’articolo correlato “Pavor notturno e sonno del neonato: 5 cose da sapere”.

Quanto tempo si usano i lettini per bambini

I lettini per bambini di dimensione standard si usano solitamente dai 6 mesi circa di vita e fino ai 4 anni.

Quando comprare il lettino per bambini

I lettini per bambini si possono comprare dalla nascita, utilizzando un riduttore per i primi mesi in modo che il neonato si senta protetto nei suoi confini.

Se utilizziamo la culla o la navicella nei primi mesi possiamo comprare il lettino intorno al sesto mese del nostro bimbo.

Lo spostamento dipende anche dalla curva di crescita del piccolo, a volte crescono velocemente e il lettino necessita prima dei 6 mesi perché non entra più nella culla mentre in altri casi può essere spostato anche a 7-8 mesi.

Da quando si usa il cuscino per i neonati

Secondo l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) l’uso del cuscino è sconsigliato per il neonato anche perché ritenuto uno dei rischi della SIDS.

L’utilizzo del cuscino può avvenire intorno ai 18-24 mesi del bambino quindi si può valutare direttamente la grandezza adeguata al lettino.

In caso di utilizzo prima dei 18 mesi si può valutare un cuscino anti soffoco utile a diminuire il rischio di SIDS.

I cuscini dei lettini per bambini più apprezzati sono:

  1. eBedding cuscino Memory altezza 5,5 cm – guanciale antisoffoco per lettino ultra traspirante, ipoallergenico e sfoderabile misura 50×30 cm;
  2. Baldiflex Emporio – coppia di cuscini Memory Foam con fodera in aloe vera – in schiuma a memoria Baldiflex, modello saponetta e antiacaro adatto a ogni posizione del sonno;
  3. Sikaini cuscino in Memory Foam – con copertura in cotone biologico removibile e lavabile adatto per età di 3-12 anni.

Quando far dormire il neonato nella sua cameretta

Su quest’argomento ci sono opinioni contrastanti!

Secondo una ricerca condotta negli Stati Uniti e pubblicata sulla rivista scientifica Pediatrics, i neonati dovrebbero dormire nella cameretta dopo i 4 mesi di vita perché riposano meglio e sono più al sicuro.

Da questi studi effettuati su bimbi di 4, 9, 12 e 30 mesi è emerso che i bimbi di 4 mesi che dormivano nella loro cameretta riposavano 45 minuti in più rispetto a quelli che dormivano con i genitori.

Altre teorie dicono che dipende da quando il piccolo è pronto a stare da solo in base alla sua crescita emotiva e fisica.

Se il bambino è forzato prima del tempo, la fase del sonno sarà più lunga e difficoltosa e in proporzione sarà maggiore lo stress dei genitori e del bambino.

Il momento giusto di mettere il bambino a dormire nella cameretta non è uguale per tutti!

Quando questo cambiamento è accettato dai genitori e dal bambino, allora è il momento più adatto.

Personalmente ho controllato il sonno del mio bambino durante la notte fino a 7-8 mesi diminuendo gradualmente fino ai 12 mesi.

Sicuramente sarebbe stato più difficoltoso se il piccolo era nella sua cameretta perché mi sarei alzata spesso per controllarlo e stare tranquilla.

Inoltre ogni famiglia ha situazioni differenti come la conformità della propria casa e bisogna valutare tutto un insieme di cose per decidere al meglio.

Una delle mie maggiori preoccupazioni era il rischio di SIDS e per me è stato rassicurante avere nostro figlio nella camera matrimoniale seppur nel suo lettino.

Quando pensi di mettere il tuo bambino a dormire nella cameretta?

Scrivimi nei commenti.

Come mettere un neonato nel lettino senza che si svegli

Quando mettere un neonato nel lettino per bambini dipende dai mesi del piccolo.

Fino ai 6 mesi circa è opportuno usare il riduttore del lettino per consentire al piccolo di avvertire i confini, sentirsi raccolto e al sicuro fino a quando non chiederà maggiore spazio di movimento.

Come mettere un neonato nel lettino senza che si svegli:

  1. dopo averlo addormentato con una dolce ninna nanna fra le braccia aspettiamo che il bambino sia nel sonno profondo senza avere fretta di metterlo nel lettino. Il tempo dipende da ogni bambino, possono bastare 10 minuti o servire 20-25 minuti.
  2. quando lo posiamo nel lettino, usiamo adeguata delicatezza cercando di mantenere il contatto con il bambino il più possibile.
  3. poggiando il piccolo sul materasso o sul riduttore partendo prima dai piedini, poi le gambe e a seguire il sedere e la schiena lasciando in ultimo la testa del piccolo. La posizione corretta e consigliata per diminuire il rischio di SIDS è quella supina, cioè a pancia su.
  4. accarezzate delicatamente il petto del bambino per qualche minuto in modo che possa sentire ancora il contatto con il genitore.
  5. staccate lentamente la vostra mano e controllate la reazione del bambino se continua a dormire serenamente vuol dire che è arrivato il momento di lasciarlo riposare da solo.

Ci sono bambini che si svegliano spesso, durante il sonno e piangendo, perché richiedono l’attenzione e le braccia della mamma.

Per abituarlo al lettino a volte ci vuole più tempo rispetto ad altri bambini più indipendenti.

Abbiate molta pazienza e riaddormentate il piccolo seguendo lo stesso rituale meglio che sia sempre uguale es. ninna nanna, luci soffuse, ambiente silenzioso e tranquillo, ecc.

In questo modo il bambino inizierà a memorizzare che è il momento della nanna.

Con il tempo dormirà nel suo lettino per maggior tempo diminuendo i suoi risvegli durante il sonno.

Dormendo nel suo lettino inizierà a sentirlo come un luogo sicuro e protetto.

Se usate il sacco nanna è meglio che si possa aprire davanti per appoggiare il bambino comodamente ed evitare il risveglio.

Come organizzare i lettini per bambini

I lettini per il bambini devono consentire una posizione comoda per il genitore e per il bambino in modo da appoggiare il piccolo mentre dorme.

Almeno su un lato ci deve essere lo spazio necessario per muoversi.

Se il bambino dorme nella camera matrimoniale, è preferibile tenerlo vicino al lettone, fino a quando avrà risvegli frequenti durante il sonno.

Quando avrà acquistato sicurezza e indipendenza, si potrà spostare il lettino in un’altra zona della camera piuttosto che nella cameretta.

Il lettino è meglio appoggiarlo da un lato sulla parete della stanza lasciando libero gli altri lati per agevolare i movimenti di genitore e bambino.

Una lampada notturna a luce soffusa sarà utile per i risvegli notturni ma è meglio che sia in una posizione dove il bambino non possa raggiungerla da solo.

Il materasso del lettino dev’essere adeguato alla grandezza dello stesso, meglio che sia sostenuto e non troppo soffice.

Fino al primo anno di età non inserire nel lettino nulla che non serva per il sonno del bambino come i peluches o i giochi che possono ostruire inavvertitamente le vie aeree del piccolo.

I paracolpi utilizzati per proteggere il bambino sono in realtà sconsigliati per il rischio di soffocamento e SIDS.

Se si utilizzano lenzuola e copertine ricordatevi di affrancare bene le stesse sotto il materasso dalla parte dei piedini e copritelo dalle ascelle in giù lasciando scoperte la testa e le braccia.

Il sacco nanna può essere una buona soluzione ma l’importante è che sia della misura adeguata alla lunghezza del bambino e non rischi di scivolare al suo interno perché troppo grande.

Iscriviti alla newsletter e ricevi il contenuto Premium "Come vivere la giornata in modo positivo"

Cosa sono i lettini Montessoriani

Il lettino Montessoriano ha un’altezza massima dal pavimento di 25 cm compreso il materasso e non possiede sbarre.

Questo consente al bambino di essere indipendente, dal momento in cui è in grado di camminare, di entrare e uscire quando preferisce senza alcun rischio per la sua sicurezza.

Questo lettino non ha le sbarre per evitare il senso di chiusura al bambino e gli permette di avere una visuale libera.

Crescendo il bambino sentirà il bisogno di evadere e a volte di scavalcare per uscire dal suo lettino, questo avviene quando iniziano a stare in piedi e a muoversi in modo autonomo.

Questo lettino evita queste situazioni e consente al bambino di sperimentare in sicurezza.

Se ti piace il concetto educativo di Montessori leggi anche l’articolo “Torre Montessoriana: guida alla scelta in 5 minuti”.

Perché si chiama lettino Montessori

Il lettino per bambini Montessori prende il nome da Maria Montessori e dal suo metodo famoso in tutto il mondo.

Il metodo Montessori promuove l’autonomia e l’indipendenza del bambino consentendogli di fare da solo le sue esperienze.

In questo modo il bambino aumenta il suo grado di apprendimento e di libertà sperimentando in autonomia e in sicurezza.

Il compito dei genitori è mettergli a disposizione gli strumenti a dimensione di bambino in totale sicurezza.

Il metodo promuove l’utilizzo di materiale naturale quindi è usato particolarmente il legno per la produzione.

>> Leggi anche l’articolo “Giochi Montessori 6-12 mesi”

Da quando usare il lettino Montessoriano

I lettini per bambini Montessoriani sono consigliati dai 18- 24 mesi in su, in pratica da quando il bambino ha una capacità di muoversi con maggiore coordinazione e autonomia.

Ogni bambino può raggiungere questa fase poco prima o poco dopo questi mesi e sarà il genitore a valutare insieme al Pediatra se è arrivato il momento giusto per questa scelta.

A cosa serve il lettino Montessori

I lettini per bambini Montessori sono a prova di caduta essendo basso.

Il materasso è appoggiato sulle doghe di legno poggiate a terra in modo che il bimbo possa salire e scendere facilmente da solo e in sicurezza.

Quanto costa un lettino Montessori

Il costo di un lettino Montessori parte da € 135,00 circa e arriva fino a € 300,00 circa.

I lettini per bambini Montessori sono fatti in legno e il costo dipende dal tipo di legno utilizzato e dalla dimensione del lettino.

Come fare un lettino montessoriano fai-da-te

E’ molto semplice fare un lettino montessoriano fai-da-te, dipende da quello che preferiamo tra:

  1. prendere un materasso della dimensione scelta e metterlo direttamente a terra;
  2. prendere un futon, il materasso tradizionale giapponese;
  3. prendere un letto futon, basso ma con i bordi.

Un lettino montessoriano ha la caratteristica di essere basso e di non avere le sponde e le sbarre quindi il concetto è simile a queste soluzioni.

Come scegliere i lettini per bambini

Per scegliere il lettino per il nostro bambino dobbiamo valutare queste caratteristiche:

  1. il materiale;
  2. la dimensione;
  3. le sponde e le sbarre;
  4. le forme;
  5. i trattamenti chimici.

Vediamo queste caratteristiche nel dettaglio.

Il materiale dei lettini per bambini

I lettini per bambini possono essere di diverso materiale:

  1. legno;
  2. metallo;
  3. plastica resistente;
  4. vimini.

Essendo prodotti per bambini, devono essere lavorati e verniciati con materiali ipoallergenici e atossici.

Controllate sempre queste caratteristiche prima dell’acquisto che devono essere riportate per legge.

La dimensione dei lettini per bambini

Le dimensioni standard di un lettino per bambini è di 60 x 120 cm con altezza variabile.

Ci sono lettini per bambini con dimensioni differenti come 70 x 140 cm, 70 x 160 cm, 90 x 180 cm e 90 x 200 cm.

Fate attenzione alle dimensioni perché ci vorrà il materasso adatto che non dev’essere piccolo rispetto al lettino.

Se il materasso è fuori dimensioni standard, potrebbe costare di più rispetto al normale oltre ad avere una scelta limitata.

Le sponde e le sbarre dei lettini per bambini

Il lettino classico per bambini con le sbarre deve averle con una distanza, tra una e l’altra tra i 6 e i 7,5 cm, questo per evitare che il bambino possa rimanere incastrato con la testa.

Le sponde devono avere un’altezza di 60 cm quando sono sollevate e di 20 cm quando sono abbassate, utili a permettere al bambino durante la crescita di entrare e uscire in autonomia.

Le forme dei lettini per bambini

Le forme dei lettini per bambini sono per lo più rettangolari.

Esistono delle varianti alla classica forma che sono:

  1. ovale;
  2. quadrato;
  3. rettangolare a capanna;
  4. con forme originali tipo barca, macchina, ecc.;
  5. a casetta;
  6. a soppalco (più adatti per bambini più grandi).

Ricordate che in base alla forma dovrete adeguare il materasso adatto al lettino.

Se pensiamo di usare a breve un letto singolo con una sponda di sicurezza, possiamo usare per un periodo un lettino economico come il lettino da campeggio, che si userà poi per le vacanze essendo pieghevole e facile da trasportare.

I migliori lettini per bambini da campeggio del 2022 sono:

  1. Hauck Sleep N Play Go Plus – lettino da viaggio fino a 15 kg, box bambini letto pieghevole misura 60 x 120 cm con borsa inclusa;
  2. Hauck Sleep N Play Center – lettino fino a 15 kg con letto pieghevole misura 120 x 60 cm con 2 piani regolabili, con ruote e fasciatoio;
  3. Kinderkraft Leody – lettino da viaggio misura 126 x 73 x 76 cm, da 0 a 25 kg completo di accessori quali giostrina musicale e giocattoli, funzione dondolio, mensole per pannolini e fasciatoio, porticina con cerniera, custodia per il trasporto.

Senza trattamenti chimici per i lettini per bambini

I lettini per bambini devono essere completamente assenti di trattamenti chimici e quindi lavorati e verniciati con materiali ipoallergenici e atossici completamente sicuri per la salute del piccolo.

Controllate prima dell’acquisto queste informazioni che devono riportare per legge su ogni articolo.

Il lettino deve essere conforme alle norme europee.

Quali sono i migliori lettini per bambini

I migliori lettini per bambini del 2023 sono:

  1. lettino in legno di pino naturale con il cassetto misura 120 x 60 cm – con materasso in schiuma, barriera di sicurezza in legno e guaina protettiva – tre livelli della base, cassetto a scomparsa, copertura materasso in aloe vera antibatterica e ipoallergenica, removibile per il lavaggio;
  2. letto Design Teepee Indiano misure materasso 90 x 200 cm lettino e tenda in legno di pino;
  3. letto a forma di casetta misura 70 x 140 cm – con struttura in legno di pino di design, rete a doghe e facile da montare;
  4. lettino Velinda letto & casa in stile scandinavo nordico misura 160 x 80 cm – a forma di casetta e prodotto in legno di pino con doghe incassate;
  5. letto ACMA II per bambino con materasso misura 140 x 70 cm con diversi temi – lettino con barriera parziale anti caduta universale che può essere montata su entrambi i lati, testiera e pediera decorati con stampa colorata e con tema a scelta, colori ecologici, sostiene un peso massimo fino a 100 kg e possibilità di mettere il nome del bambino gratis sul letto.

Conclusioni

La scelta del lettino per il nostro bambino dipende dalle nostre esigenze.

Se vogliamo usare un lettino dopo la culla per un breve periodo e poi passare a un letto singolo standard con le sponde di sicurezza è meglio orientarsi su qualcosa di economico come il lettino da campeggio che può servire anche come box o per le vacanze essendo pieghevole e facile da trasportare.

Se la scelta è di un lettino per un periodo più lungo, dobbiamo valutare tutte le caratteristiche per il confort e il benessere del bambino in totale sicurezza.

La scelta di un lettino montessoriano dipende anche dal nostro metodo di educazione.

Iscriviti alla newsletter e ricevi il contenuto Premium "Come vivere la giornata in modo positivo"

TI È STATO UTILE L’ARTICOLO? CONDIVI SUI SOCIAL

Condividi il post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli pubblicati

EDUCAZIONE POSITIVA: PRINCIPI E BENEFICI
Ricominciare

Educazione positiva: Principi e benefici

L’educazione positiva è una filosofia educativa che offre ai genitori un approccio alternativo verso i propri figli attraverso la comprensione e l’empatia.