Primi dentini neonato

Primi dentini neonato
Quando spuntano i primi dentini al neonato e cosa fare per alleviare il fastidio e garantire una corretta igiene orale.

Condividi il post

E’ possibile che siano i primi dentini del neonato?

Intorno ai 3 mesi e mezzo mio figlio ha iniziato ad essere stranamente nervoso.

Ha iniziato a mettersi in bocca le mani e mordicchiarle.

Ogni giorno aumentava la sua irritabilità.

Con le crisi di pianto improvvise e gli oggetti in bocca…qualsiasi cosa si trovasse in mano intendo…ci siamo domandati cosa poteva essere?!?

Quando infine, dopo 2 settimane, sbavava ovunque tanto da dover cambiare anche due maglie al giorno abbiamo capito che erano i fastidi per i primi dentini.

In realtà stava preparando le gengive, ma il processo era iniziato!

A circa 6 mesi ecco spuntare i suoi primi dentini… adorabile quando sorrideva!

Vediamo quando spuntano i primi dentini al neonato e cosa fare per alleviare i suoi fastidi.

Primi dentini neonato
Primi dentini neonato

Iscriviti alla newsletter e ricevi il contenuto Premium "Come vivere la giornata in modo positivo"

Quando spuntano i primi dentini al neonato

I primi dentini a un neonato spuntano tra i 4 e i 7 mesi.

Il primo dente compare solitamente intorno ai 6 mesi in coincidenza con lo svezzamento del neonato.

Se i primi dentini tardano, non bisogna preoccuparsi, perché la dentizione è variabile.

A volte, la dentizione, inizia verso il primo anno di vita del bimbo se non addirittura oltre.

Esistono anche alcuni casi rari, in cui il primo dentino è presente fin dalla nascita.

In questo caso chiederemo consiglio al dentista pediatrico per capire come comportarci.

Può dipendere da un fattore genetico, se ai genitori i primi dentini, sono comparsi in anticipo o al contrario in ritardo, probabilmente capiterà la stessa cosa anche al bimbo.

Primi dentini a 2 mesi

Un neonato può mettere il primo dentino anche a 2 mesi.

In questo caso l’ossatura dei denti non è ancora strutturata e resistente.

Il dentista pediatrico monitorerà la situazione.

Questo non interferirà con l’allattamento al seno perché il neonato succhia con la lingua e il palato, ma al contrario il neonato potrebbe sentire un certo fastidio.

Per l’igiene orale, i primi dentini, a 2 mesi dovrebbero essere puliti delicatamente con una garza.

Primi dentini a 3 mesi

Come per i primi dentini a 2 mesi, anche a 3 mesi l’ossatura del neonato non è ben strutturata.

Bisognerà monitorare la situazione con un dentista pediatrico in modo da individuare le motivazioni.

Lo specialista ci aiuterà a trovare le soluzioni migliori per dare sollievo al neonato in questa fase.

Quando spuntano i primi dentini al neonato, è importante l’igiene orale.

Anche in questo caso i dentini possono essere puliti delicatamente con una garza o una spatola a setole di nylon separata.

Personalmente essendo ancora così piccolo preferisco una garza.

Primi dentini a 4 mesi

Come abbiamo anticipato, i primi dentini possono spuntare anche dai 4 mesi del neonato.

Lo spuntare dei primi dentini è anticipato da una fase d’irritabilità del neonato che approfondiremo tra poco.

Primi dentini neonato a 4 mesi
Primi dentini neonato a 4 mesi

Quando iniziano i fastidi per i dentini al neonato

I primi fastidi che avverte il neonato sono alle gengive per la preparazione dei dentini.

Le gengive s’induriscono e il dolore ci avvisa che il neonato si sta preparando alla dentizione.

Questi fastidi possono anticipare l’uscita vera e propria del dentino anche di circa un mese o due.

Mio figlio ha iniziato ad avere i primi sintomi a 3 mesi e mezzo e i primi dentini sono spuntati a 6 mesi circa.

In questa fase il neonato è particolarmente infastidito e noi genitori dobbiamo avere particolare pazienza.

Sicuramente le coccole da parte nostra al bimbo aumentano e magari qualche concessione in più rispetto al solito.

In questa fase ad esempio io lo addormentavo nel lettone per poi metterlo in culla dopo.

Avvertivo il suo bisogno di sentire il calore materno per tranquillizzarsi.

Come capire se il neonato piange per i dentini

I neonati, durante la preparazione delle gengive e l’uscita dei primi dentini, sono molto irritabili.

A volte, in questa fase, il neonato può soffrire di febbre o diarrea.

I sintomi che ci aiutano a capire se il neonato piange per i dentini sono:

– lo sbavamento eccessivo e ci sono giorni in cui è necessario cambiargli i vestiti più volte da quanto si bagna.

In questa fase sono utili i “triangolini” con dentizione o senza dentizione che attutiscono la situazione;

– quando si porta continuamente le mani in bocca nervosamente mordicchiandole a volte con le gengive;

– quando mette in bocca qualsiasi oggetto solido che trova.

Sono utili in questo caso gli anelli da dentizione in silicone o gli anelli da dentizione refrigerati.

Fate attenzione per questi ultimi a conservarli in frigorifero e mai in congelatore, inoltre è meglio controllare il neonato durante l’utilizzo per eventuale perdita del liquido.

Ricordatevi che questi anelli da dentizione refrigerati, NON vanno sterilizzati o messi a bollire, perché potrebbero danneggiare la plastica e causare le perdite del liquido chimico.

E’ opportuno controllare sempre il neonato quando mette gli oggetti in bocca per evitare il rischio di soffocamento e/o aspirazione di piccoli pezzi.

Infine i massaggia gengive che ne trovate in commercio per tutti i gusti;

– quando perde l’appetito può dipendere dalle gengive infiammate;

– quando le gengive doloranti sono rosse e gonfie, questi sono segni visibili di un’infiammazione a causa dei dentini.

Primi dentini neonato
Primi dentini neonato

Quali sono i primi dentini che escono al neonato

Il primo dentino che, solitamente, spunta al neonato è uno dei due incisivi centrali inferiori.

Ben presto lo seguirà anche l’altro incisivo inferiore.

A mio figlio sono spuntati i primi due dentini incisivi inferiori a 6 mesi circa ed era adorabile vederlo quando rideva.

Per le incisive centrali superiori, aspetteremo che escano intorno agli 8 – 12 mesi.

Gli incisivi laterali superiori, che affiancano i centrali, di solito spuntano tra i 9 e i 13 mesi mentre quelli inferiori tra i 14 e i 18 mesi.

I primi molari escono tra i 10 e 16 mesi.

Per i canini superiori tra i 16 e i 22 mesi e quelli inferiori tra i 17 e i 23 mesi.

In ultimo emergono i secondi molari tra i 20 e i 33 mesi che segnano anche la fine della dentizione.

Come aiutare l’uscita dei dentini al neonato

L’uscita dei dentini al neonato avviene con la spaccatura delle gengive che consente ai dentini di emergere.

È proprio questo il momento che causa maggiore dolore e fastidio al neonato.

Ci sono guantini o spazzolini appositi per spazzolare la gengiva.

Gli anelli da dentizioni tipo ciuccio e i massaggia gengive aiutano in questo senso ad agevolare la spaccatura quando il bimbo lo mordicchia.

Per alleviare il dolore, il rimedio più semplice e immediato, è il massaggio alle gengive.

Dopo aver pulito accuratamente il nostro dito lo sfreghiamo delicatamente sulle gengive del neonato.

Possiamo usare in alternativa una garza o un panno pulito.

Alcune nonne usavano un cucchiaino freddo passandolo sulle gengive.

Se il neonato ha già compiuto 6 mesi potete usare il ciuccio a rete e riempirlo con frutta fresca tritata.

Se usate il ciuccio in questa fase il neonato potrebbe richiederne maggior utilizzo.

Se pensavate di iniziare a toglierlo aspetterei!

Meglio toglierlo in un momento sereno del bimbo.

La nostra pediatra ha suggerito per i momenti peggiori, un gel omeopatico alla camomilla da tenere in frigo e spalmare sulle gengive un paio di volte al giorno.

Esistono inoltre altri rimedi per la fase della dentizione, che noi non abbiamo provato, tra cui lo zenzero sbucciato e strofinato sulle gengive, collane di ambra per la dentizione o collane masticabili per il neonato e indossate dalla mamma.

Quando sono in ritardo i primi dentini cosa fare

Il ritardo è da considerare patologico se il primo dentino NON emerge entro i 2 anni del bimbo.

In questo caso si parla di dentizione ritardata.

In tal caso consultate un dentista pediatrico che vi consiglierà sul da farsi.

Sappiate che anche senza i denti il bimbo può masticare i cibi morbidi utilizzando le gengive.

I primi dentini del neonato sono storti

I primi dentini del neonato sono cosiddetti da “latte” e li perderà crescendo per lasciare posto ai denti definitivi.

Se i primi dentini da latte nascano storti, non spaventatevi è abbastanza frequente.

Nascono storti in particolare, le incisive centrali e laterali, sia superiori che inferiori.

Essendoci tanto spazio disponibile in bocca, i denti tendono a prendere le direzioni sbagliate.

In genere i denti da latte si raddrizzano da soli con il passare del tempo.

Solo una volta completata la dentatura definitiva se i denti restano storti, sarà il caso di consultare un dentista.

Igiene orale del neonato quando iniziare

Come anticipato, l’igiene orale è importante già dai primi mesi del neonato.

Quando il nostro bimbo evidenzia i sintomi della preparazione ai primi dentini, possiamo iniziare a usare le spazzoline apposite per le gengive.

Quando spuntano i primi dentini consigliano, in concomitanza dello svezzamento, di iniziare ad usare lo spazzolino a setole morbide meglio lo spazzolino con il copri-setole per una maggiore igiene.

Primi dentini e spazzolino
Primi dentini e spazzolino

Iniziate le prime volte a spazzolare delicatamente i dentini e le gengive anche senza il dentifricio.

Poi introducete il dentifricio adeguato per bimbi piccoli senza il fluoro.

Se preferite il dentifricio eco biologico con ingredienti di grado alimentare il Nebiolina dentifricio primi denti fa al caso vostro.

Mio figlio ama quando gli spazzoliamo i denti e adesso inizia a provarci anche da solo.

Primi dentini e igiene orale
Primi dentini e igiene orale

Quando smettiamo di spazzolare si lamenta perché vuole continuare.

Chi lo avrebbe detto?

Io ero certa che sarebbe stata un’impresa impossibile, quando il pediatra ha suggerito di iniziare con lo spazzolino…invece!?!

In questo modo il bimbo inizierà ad abituarsi ad una corretta igiene orale proseguendo da solo durante la crescita.

La corretta igiene orale eviterà il formarsi di fastidiose carie.

Insegnare l'igiene orale con i primi dentini
Insegnare l’igiene orale con i primi dentini

I cibi per la masticazione con i primi dentini del neonato

Con i primi dentini, il neonato, può iniziare a masticare.

Se il bimbo ha già compiuto 6 mesi, possiamo iniziare lo svezzamento e introdurre alcuni alimenti in base alle linee guida dell’OMS.

Per evitare il rischio di soffocamento non proponete al bimbo i cibi: sferici es. uva o ciliegie, troppo duri, filamentosi o troppo grandi.

Il cibo proposto al bimbo dev’essere sempre tagliato in modo adeguato alla sua età e inizialmente vi consiglio sminuzzato.

Durante la masticazione un genitore o un adulto deve controllare costantemente il bimbo in caso di bisogno.

Rispettate i suoi tempi di masticazione che possono essere lunghi.

Agevolate il gioco con gli alimenti e permettete al bimbo di conoscerli autonomamente ma sempre sotto la vostra sorveglianza.

Sporcarsi con il cibo e pasticciare con le mani è uno dei modi che consente al bimbo di sperimentare.

Ci sono alcuni cibi che hanno aiutato mio figlio e che consiglio.

A mio figlio l’hanno aiutato a capire come sgranocchiare e in poco tempo abbiamo iniziato a fargli assaggiare il nostro cibo.

Sono adatti, dagli 8 mesi in poi, le Baby Gallette di Riso Bio della Hipp alla mela o al mirtillo e gli anellini di farro e avena Bio.

Vi consiglio di testarne uno per volta per capire il gusto del vostro bimbo.

IL TUO BIMBO HA GIA’ QUALCHE DENTINO?

SCRIVIMI NEI COMMENTI

Iscriviti alla newsletter e ricevi il contenuto Premium "Come vivere la giornata in modo positivo"

TI È SERVITO QUESTO ARTICOLO?

SCRIVIMI NEI COMMENTI E CONDIVI SUI SOCIAL

Condividi il post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli pubblicati

EDUCAZIONE POSITIVA: PRINCIPI E BENEFICI
Ricominciare

Educazione positiva: Principi e benefici

L’educazione positiva è una filosofia educativa che offre ai genitori un approccio alternativo verso i propri figli attraverso la comprensione e l’empatia.