Scatti di crescita

Scatti-di-crescita
Cosa sono gli scatti di crescita del neonato? Ecco cosa sono, quando avvengono nel primo anno di vita e come riconoscerli per stare tranquilli.

Condividi il post

Hai mai sentito parlare di scatti di crescita?

Il nostro bimbo mangia e dorme regolarmente e all’improvviso…il suo appetito aumenta e la solita poppata non gli basta.

Si sveglia più volte durante la notte piangendo.

Diventa nervoso e irritabile, la notte in particolare, e richiede maggiore contatto con la mamma.

Ma cosa succede?!?

Si tratta di uno degli scatti di crescita!

Fortunatamente nulla di grave ma un po’ fastidiosi.

Sono fasi in cui il bimbo cambia le sue abitudini.

Vediamo quando e come riconoscere gli scatti di crescita del neonato.

Scatti di crescita
Scatti di crescita

Iscriviti alla newsletter e ricevi il contenuto Premium "Come vivere la giornata in modo positivo"

Cosa sono gli scatti di crescita

Gli scatti di crescita sono dei salti in avanti nello sviluppo del bambino.

Di fatto, toccano diversi aspetti: fisico, motorio, cognitivo ed emotivo.

Sono fasi in cui la crescita appare più veloce.

In queste fasi, il neonato impara nuove capacità mentali e motorie, cambiando la loro percezione delle cose.

Per il neonato è un momento delicato perché la prospettiva delle cose, che fino a quel giorno erano delle sicurezze, all’improvviso cambia.

Le prime cose che cambiano sono il senso dell’olfatto, della vista e dell’udito che migliorano, cambiando così la loro percezione verso il mondo.

Quanto avvengono gli scatti di crescita

Gli scatti di crescita iniziano dalle prime settimane di vita di un neonato e terminano in età puberale, quando avviene il passaggio del bambino alla vita adulta.

Ci accorgiamo maggiormente degli scatti di crescita nei primi sei mesi di vita del neonato mentre crescendo, spesso sono inosservati.

Quanti scatti di crescita avvengono nel neonato

Gli scatti di crescita del neonato sono circa sette nel primo anno di vita e coincidono con lo sviluppo del sistema nervoso e della crescita fisica.

Nel neonato, questi brevi e intensi scatti di crescita, avvengono:

– tra la 1° e la 3° settimana di vita;

– tra la 6° e l’8° settimana di vita;

– al 3° mese;

– al 4° mese;

– al 6° mese;

– al 9° mese;

– al 12° mese.

I primi scatti di crescita di un neonato
I primi scatti di crescita di un neonato

Primo scatto di crescita

Il neonato durante il primo scatto di crescita, tra la 1° e la 3° settimana di vita, inizia a percepire l’ambiente esterno.

Questo scatto, avviene poco tempo dopo la sua nascita ed è normale che le sue percezioni cambino rispetto a quelle nel ventre della mamma.

Secondo scatto di crescita

Durante il secondo scatto, tra la 6° e l’8° settimana di vita, il neonato appare più attento e attivo, inizia ad avvertire famigliare il suo ambiente.

Inizia a reagire al contatto fisico, ai rumori e odori che avverte.

Inizia a respirare regolarmente.

In questa fase cresce la sua fame e ha bisogno di molto contatto fisico, che manifesta piangendo.

Per noi genitori è più difficile confortarlo.

Il secondo scatto di crescita del neonato
Il secondo scatto di crescita del neonato tra la sesta e l’ottava settimana di vita

Terzo scatto di crescita

Durante il terzo scatto di crescita, intorno al 3° mese di vita, i sensi della vista, dell’udito e dell’olfatto diventano attivi e sensibili.

Noi genitori, percepiamo particolarmente nel nostro bambino, il senso della vista perché notiamo che inizia a seguire il nostro movimento da un lato all’all’altro della culla.

Inizia a sollevare la testa, riconosce le manine e i piedini cercando di afferrarli. Inizia a cercare di afferrare gli oggetti.

Con i piedini calcia e inizia a scoprire la sua voce.

In questa fase potrebbe accettare solo la presenza della mamma manifestando timidezza verso gli altri.

Possono dormire male e in modo irregolare ma richiedere maggiormente l’attacco al seno materno per ciucciare, cosa che li aiuta a calmarsi.

Iscriviti alla newsletter e ricevi il contenuto Premium "Come vivere la giornata in modo positivo"

Quarto scatto di crescita

Durante il quarto scatto di crescita, intorno al 4° mese, il neonato sviluppa il comportamento sociale e inizia a reagire diversamente in base alle persone, rispondendo con un sorriso.

Il neonato attua i primi tentativi di girarsi a pancia in su e in giù, sollevando la testa in modo autonomo.

Sviluppa le capacità motorie riuscendo ad afferrare gli oggetti con una mano e mettendoli in bocca.

Visivamente il neonato ha una crescita del corpo e dei muscoli.

Può iniziare a reagire al suo riflesso allo specchio.

In questa fase il neonato cerca la vicinanza dei genitori, il suo appetito cresce, e le notti sono irrequiete.

Potrebbero diminuire le sue ore di sonno nel pomeriggio e durante la notte, questa fase anche chiamata regressione del sonno.

Non preoccupatevi è un momento che passerà.

Scatti di crescita: il quarto scatto intorno al quarto mese di vita
Scatti di crescita: il quarto scatto intorno al quarto mese di vita

Quinto scatto di crescita

Durante il quinto scatto di crescita, intorno al 6° mese, il neonato inizia a provare ad imitare quello che vede, come ad esempio salutare o battere le manine.

Esprime emozioni come gioia, paura, rabbia, distinguendoli.

Prova ad emettere nuovi suoni con la voce.

In questa fase il neonato manifesta consapevolmente le sue emozioni.

Piange quando i genitori lasciano la stanza perché comprende che questo causa il loro ritorno.

Anche in questa fase esprime timidezza verso gli sconosciuti.

Sesto scatto di crescita

Durante il sesto scatto di crescita, intorno al 9° mese, il neonato riesce a stare seduto, gattona e diventa intraprendente.

Inizia ad alzarsi aiutandosi con gli appoggi che trova e possono accennare qualche passo se tenuto per mano. Impara l’ordine delle attività quotidiane.

In questa fase noi genitori avvertiamo meno lo scatto di crescita che si manifesta con la fame e la voglia di provare nuovi gusti.

Comincia a esplorare i suoi limiti quindi fate attenzione.

Può manifestare insoddisfazione e alternare velocemente momenti di gioia con quelli di pianto nei quali richiede la vicinanza dei genitori.

Il suo peso potrebbe avere un aumento repentino.

Con mio figlio ho avvertito chiaramente, in quei giorni, un aumento considerevole di peso.

Scatti di crescita a dieci mesi
Scatti di crescita a dieci mesi

Settimo scatto di crescita

Durante il settimo scatto di crescita, intorno al 12° mese, il neonato diventa un bambino.

Inizia a camminare e imporre la sua volontà.

In questa fase il nostro bambino passa velocemente dal sorriso alle lacrime e potrebbe avere scatti d’ira, fare particolarmente capricci.

Può diventare nuovamente timido verso le persone.

Non vuole addormentarsi e quando ci riesce, il sonno è irrequieto.

Quanto durano gli scatti di crescita

In media, gli scatti di crescita, possono durare dai 2-3 giorni ad una settimana.

Ogni bimbo come abbiamo detto molte volte è differente.

Anche le manifestazioni possono essere maggiormente percepibili in alcuni bimbi e meno in altri.

Sicuramente, la percezione degli scatti di crescita, è inferiori dal sesto mese di vita.

Come riconoscere gli scatti di crescita nel neonato

Ma come riconosciamo che il nostro bimbo vive degli scatti di crescita?

I neonati manifestano i loro turbamenti nei modi che conoscono, tra cui il pianto in particolare.

Ci rendiamo conto che il suo comportamento sta cambiando.

E’ particolarmente nervoso soprattutto di notte.

Si sveglia più volte durante la notte rispetto al solito richiedendo l’attacco al seno…ha fame.

Richiede maggiormente il contatto con la mamma.

La quantità di latte solita non gli basta e a fine poppata potrebbe piangere perché vuole ancora latte.

Per l’allattamento materno basterà attaccarlo a sua richiesta perché la produzione di latte basterà a soddisfare le sue necessità.

Inoltre la suzione aiuta il neonato a calmarsi.

Nell’articolo precedente, “allattamento”, abbiamo approfondito alcuni argomenti, tra cui la corretta suzione del neonato.

Non fate l’errore di offrire al neonato in questa fase, acqua o tisane per calmarlo perché potrebbe interferire con l’allattamento durante i primi sei mesi di vita.

La mamma dovrà avere più pazienza del solito in queste fasi, cercando di non assumere comportamenti rigidi causati dall’ansia.

Se l’allattamento del neonato avviene con LA (latte artificiale) con biberon, al termine della poppata potrebbe piangere perché vuole altro latte.

In questo caso basterà fargli ancora un po’ di latte in base ai mesi del neonato, potrebbero bastare 10 ml nelle prime settimane fino a 30 ml nei mesi successivi.

Sarà solo la quantità di liquido ad aumentare e non il numero di poppate durante le 24 h.

E’ importante dopo aver stabilito gli orari dell’allattamento al biberon non cambiarli durante gli scatti di crescita se non per ridurre una poppata.

Altri sentori potrebbero essere una diminuzione dell’autonomia del neonato e una sua maggiore richiesta di rassicurazione materna.

Basteranno qualche coccola nei momenti di pianto e il contatto con la mamma per rassicurarlo.

Il nervosismo del neonato si manifesta anche in altri momenti quale ad es. la dentizione.

Per questo motivo è facile confondere la causa del nervosismo di un neonato durante gli scatti di crescita.

In caso di dubbi, rivolgetevi sempre al pediatra che vi aiuterà a capire meglio.

Scatti di crescita: il neonato si sveglia più volte durante la notte
Scatti di crescita: il neonato si sveglia più volte durante la notte

Come devono comportarsi i genitori con il neonato

Durante gli scatti di crescita, i genitori dovranno avere maggiore pazienza ed evitare gli stati d’ansia.

Ricordatevi che il neonato avverte gli stati d’animo, in particolare della mamma.

In queste fasi di cambiamento il neonato cerca il sostegno e la vicinanza dei loro punti di riferimento che sono i genitori.

Il neonato ha bisogno in particolare di tanto affetto e serenità.

Consigli ai genitori per superare gli scatti di crescita

Durante gli scatti di crescita del nostro bimbo, dobbiamo avere particolare pazienza.

Alcuni consigli per i genitori sono:

  • per la mamma idratarsi molto per l’allattamento al seno a richiesta, avendo cura di se stessa alimentandosi correttamente. Vi servirà ad avere l’energia necessaria;
  • utilizzare la fascia o il marsupio con il vostro bimbo. Vi permetterà di dare il contatto richiesto al vostro bimbo e riuscire a fare anche altro;
  • chiedete a una persona di fiducia un supporto per tenervi il bimbo un’oretta, sarà utile per un momento di relax;
  • mantenete la quotidianità e ricordate che queste fasi terminano nel giro di una settimana;
  • non fate confronti tra il vostro bimbo ed altri della stessa età, ognuno ha tempistiche di sviluppo differenti;
  • se ne sentite il bisogno chiedete aiuto ad un professionista.
Scatti di crescita neonato e tanta pazienza
Scatti di crescita neonato e tanta pazienza

Iscriviti alla newsletter e ricevi il contenuto Premium "Come vivere la giornata in modo positivo"

TI È STATO UTILE L’ARTICOLO?

SCRIVIMI NEI COMMENTI E CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi il post

4 Comments:

you’re actually a excellent webmaster. The web site loading velocity is amazing.
It sort of feels that you are doing any distinctice
trick. Moreover, The contents are masterwork. you’ve performed a excellent activity onn
this matter!

Also visit my web-site :: https://Casinoonlinevavada.Onepage.website/

24/04/2024

Ciao e grazie, sono felice che il mio artico ti sia piaciuto. Buon lavoro. Luisa

07/04/2024

I love what you guys are usually up too. This type of clever work and
coverage! Keep up the fantasyic works guys I’ve added you guys
to my personjal blogroll.

24/04/2024

Grazie mille, ne sono felice.
Luisa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli pubblicati

EDUCAZIONE POSITIVA: PRINCIPI E BENEFICI
Ricominciare

Educazione positiva: Principi e benefici

L’educazione positiva è una filosofia educativa che offre ai genitori un approccio alternativo verso i propri figli attraverso la comprensione e l’empatia.