Seggiolino auto

Seggiolino-auto
Cosa sapere prima di scegliere un seggiolino auto per il tuo bambino, sulla sicurezza e sui modelli in commercio.

Condividi il post

Pensiamo a quale seggiolino auto ci serve per il nostro bambino.

Come cresce in fretta nostro figlio!

Sembra ieri che questo piccolo monellino è entrato a colorare le nostre vite.

Nascendo ha portato una ventata di gioia e tanto movimento in questa nostra famiglia.

Dall’ovetto dobbiamo già passare al prossimo seggiolino per il trasporto in auto che sarà obbligatoria fino ai 36 kg o ai 150 cm d’altezza del nostro bimbo.

Fare un acquisto corretto di questo genere è fondamentale per garantire la sicurezza del bambino.

La sicurezza è un atto di amore verso nostro figlio.

Le norme di sicurezza in merito al trasporto del bambino sono severe ed essere informati ci eviterà sanzioni spiacevoli.

Nostro figlio dovrà usarlo per molti anni e quindi oltre alla sicurezza cerchiamo di assicurargli un buon confort durante il viaggio in auto.

In quest’articolo vediamo cosa sapere prima di scegliere un seggiolino auto e quali sono quelli preferiti dai genitori in questo momento.

Seggiolino-auto
Seggiolino auto

Iscriviti alla newsletter e ricevi il contenuto Premium "Come vivere la giornata in modo positivo"

Come sono omologati i seggiolini auto

Il seggiolino auto è omologato in base al peso o all’altezza del bambino.

I seggiolini sono divisi in gruppi: Gruppo 0 – Gruppo 0+ – Gruppo 1 – Gruppo 2 – Gruppo 3.

Vediamo nello specifico i vari gruppi nei prossimi paragrafi.

Seggiolino auto Gruppo 0

Il seggiolino auto gruppo 0 si utilizza per i neonati di circa 0-9 mesi e di peso fino ai 10 kg.

Sono da mettere in auto in senso contrario a quello di marcia nel sedile posteriore preferibilmente in quello centrale (migliore in caso di urto) oppure opposto al guidatore (se avete solo un bimbo).

Sono comprese in questa categoria le navicelle che possono essere fissate con le cinture dell’automobile e l’ausilio di un kit per agganciarle, questo dipende anche dalla marca e dal modello.

Nel mio caso, all’uscita dall’ospedale, abbiamo trasportato il nostro bimbo in auto con la navicella per dargli un maggiore confort nel sonno e in questa circostanza abbiamo usato un kit adeguato per l’aggancio alle cinture di sicurezza.

Noi avevamo una navicella della Peg Perego e quindi il kit della Peg Perego ma questi kit li trovate anche per altri marchi.

Credo che sia meglio acquistare il kit inerente alla marca della navicella e non quelli considerati universali perché in molti dalle recensioni lette hanno avuto problemi per la sicurezza.

Sicuramente vi avevo anticipato qualcosa sull’argomento nel precedente articolo “Passeggino Trio” in quanto con il Trio abbiamo sia la navicella che l’ovetto, chiamato anche Gruppo 0.

Seggiolino auto Gruppo 0+

Il seggiolino auto Gruppo 0+ è per i bimbi di circa 0-15 mesi e con un peso fino ai 13 kg.

Le sue caratteristiche sono simili al Gruppo 0 ma con una maggiore protezione alla testa e alle gambe.

Abbiamo anticipato l’argomento di questo seggiolino anche nell’articolo “cosa serve per un neonato” perché nei primi mesi del nostro bimbo è necessario averne uno che in base al tipo di Trio potrebbe essere l’ovetto con Gruppo 0 o Gruppo 0+.

Per questo, vi consiglio di informarvi prima per evitare sorprese.

Seggiolino auto Gruppo 0+
Seggiolino auto Gruppo 0+
Seggiolino Gruppo 0+ con parasole
Seggiolino Gruppo 0+ con parasole

Seggiolino auto Gruppo 1

 Il seggiolino auto Gruppo 1 è per i bimbi da circa 9 mesi ai 4 anni circa e di peso compreso tra 9 e 18 kg.

Sono seggiolini da montare nel senso di marcia e sono fissati e bloccati dalla cintura di sicurezza del veicolo.

Seggiolino auto Gruppo 2

Il seggiolino auto Gruppo 2 è per i bambini di peso compreso tra 15 e 25 kg.

Sono dei cuscini (alzatine) con i braccioli omologati che si usano con le cinture dell’auto insieme a un dispositivo di aggancio che si fissa nel punto dove la cintura incrocia la spalla.

Seggiolino auto Gruppo 3

Il seggiolino auto Gruppo 3 è per bambini di peso compreso tra 22 e 36 kg.

Sono dei cuscini, dette alzatine, senza braccioli da mettere sul sedile per aumentare la statura del bambino in modo da utilizzare le normali cinture di sicurezza del veicolo.

Seggiolino auto I-Size

Il seggiolino auto I-Size è per bambini di lunghezza compresa da 40 cm a 105 cm.

Sono seggiolini che seguono la recente normativa ECE R129 che si basa sulla lunghezza del bambino anziché il peso.

Sono dotati di attacchi ISOFIX e protezioni laterali e sono considerati tra i dispositivi più sicuri.

Questo seggiolino può trasportare il bimbo in senso di marcia contraria fino a un minimo di 15 mesi.

Fate attenzione che ci sono seggiolini I-size che coprono intevalli differenti.

Possono partire ad es. dai 61 cm (3/6 mesi invece di 0 mesi) e arrivare solo a 75 cm (circa 12 mesi anziché 15 mesi).

Possibili scelte dopo l’ovetto o Gruppo 0 e 0+

Dopo l’ovetto o Gruppo 0 e 0+ possiamo fare una scelta per garantire un viaggio sicuro al nostro bambino.

Questa soluzione eviterà di fare un ulteriore acquisto in futuro per il seggiolino auto.

Esiste un modello multi gruppo che coprirà l’arco di peso obbligatorio dai 9 ai 36 kg.

Si chiama Gruppo 1/2/3 e ogni marca ne ha almeno un modello.

Questa è la nostra scelta, stiamo valutando un buon seggiolino auto che possa avere sicurezza e confort con l’aggancio ISOFIX in dotazione anche a un costo più elevato.

Altrimenti da un primo seggiolino I-size, che utilizzi dalla nascita e fino a 105 cm che corrisponde a circa 4 anni (controllate sempre la sua omologazione perché potrebbe essere per lunghezze minori), potete passare ad un seggiolino gruppo 2/3 ma il bambino deve pesare almeno 15 kg.

Queste due opzioni sono quelle più considerate per evitare molti acquisti ma in commercio trovate i seggiolini anche per ogni gruppo.

Il gruppo dovrà seguire la crescita del bambino scegliendo un modello dedicato alla sua fascia di peso o altezza.

Quando girare il seggiolino auto fronte strada

Per questione di sicurezza, è consigliato che il bimbo rimanga il maggior tempo possibile nel senso contrario a quello di marcia.

Per morfologia, la testa dei bambini è pesante e in caso d’incidente il collo è molto sollecitato.

Nel possibile è meglio aspettare sempre se avete un seggiolino omologato ECE R44 Gruppo 0+ fino ai 13 kg (circa 2 anni) oppure un I-size che lo permette fino ai 15 mesi circa.

Per legge comunque il seggiolino Gruppo 1 può essere rivolto nel senso di marcia a partire dai 9 kg che corrisponde a circa 9 mesi del bimbo.

Fino a quando il seggiolino sarà contrario al senso di marcia, vi consiglio di utilizzare uno specchio di fianco al seggiolino auto in modo da controllare costantemente il vostro bambino.

Servirà anche al bambino per vedervi e stare più tranquillo nel suo seggiolino durante il trasporto.

Specchio di fianco al seggiolino
Specchio di fianco al seggiolino

Iscriviti alla newsletter e ricevi il contenuto Premium "Come vivere la giornata in modo positivo"

Che cosa dice il Codice della Strada

Il codice della strada è regolato dall’art. 172 e stabilisce l’obbligo della cintura di sicurezza per gli adulti e l’obbligo dei sistemi di ritenuta, omologati per i bambini, con una statura inferiore a 150 cm e adeguati al loro peso.

Il conducente risponde del mancato uso dei sistemi di sicurezza da parte del passeggero dell’auto, sempre che non vi sia altro soggetto sorvegliante a bordo del veicolo per il passeggero minore di età.

Il mancato rispetto della norma comporta l’applicazione di una sanzione pecuniaria e la sottrazione di punti dalla patente.

Dal 2020, le auto che trasportano bambini di età inferiore ai 4 anni devono essere dotati di un dispositivo elettronico che avvisa della presenza dei passeggeri più piccoli chiamato “anti abbandono”.

Quali sanzioni ci sono per la normativa sul seggiolino auto

Il mancato uso di seggiolino auto e adattatori è punito con la sanzione amministrativa da euro 80,00 a euro 333,00, con la decurtazione di 5 punti patente al guidatore.

In caso di recidiva, nell’arco di due anni, la patente sarà sospesa per un periodo tra 15 giorni e 2 mesi.

Se sul veicolo è presente un adulto quale sorvegliante del minore e che esercita la patria potestà, la sanzione sarà applicata a quest’ultimo e non saranno tolti punti al guidatore.

Etichetta di omologazione e cosa controllare

Il seggiolino auto che scegliete deve riportare sempre l’etichetta di omologazione.

Controllate che sia sul retro o sulla base della struttura.

L’etichetta è di colore arancione con la scritta ECE R44-03, ECE R44-04, ECE-R129 (non sono più a norma ECE R44-01 E ECE R44-02).

I nuovi prodotti omologati dal 2017 devono avere lo schienale fino ai 125 cm perché considerati più sicuri.

I prodotti omologati ECE R44 Gruppo 3 senza schienale (dette anche alzatine) possono comunque essere vendute e utilizzate.

La normativa R129 riguarda invece i seggiolini auto a partire dai 100 cm di altezza in poi.

La fase 1 della R129 prevedeva seggiolini dotati solo di connettori ISOFIX per bambini di altezza fino a 105 cm, mentre la fase 2 della R129 prevede anche il fissaggio con le cinture per bambini da 100 a 150 cm.

Entrambe le legislazioni continueranno a coesistere e saranno i consumatori a scegliere.

Etichetta omologazione seggiolino gruppo 0+
Etichetta omologazione seggiolino gruppo 0+

Come montare il seggiolino auto

Il seggiolino auto si può montare e agganciare in due modi, con le cinture di sicurezza dell’auto e/o con il sistema ISOFIX.

Questi due sistemi possono essere usati anche insieme in base alla tipologia del seggiolino auto.

Aggancio e blocco con le cinture di sicurezza dell’auto

Il seggiolino auto può essere montato e agganciato con le cinture di sicurezza dell’auto.

Dipende dal tipo di seggiolino che acquistate, ma in generale hanno dei passaggi, dove infilare la cintura di sicurezza sul lato, sotto e/o sul retro dello schienale in modo da bloccare saldamente il seggiolino.

Questa soluzione è un po’ scomoda quando sistemate o dovete far scendere il bambino dal seggiolino perché la fascia della cintura di sicurezza ostacola il passaggio.

Inoltre è scomodo se dovete spostare il seggiolino da un’auto all’altra perché dovete togliere e riposizionare il tutto.

Noi abbiamo scelto questa questa soluzione in una delle due auto e vi assicuro che è davvero scomodo ma usandola poco con il bambino ci va bene così.

Aggancio ISOFIX per il seggiolino auto

Il seggiolino auto dotato di aggancio ISOFIX garantisce maggiore stabilità e una migliore protezione in caso di urto frontale e laterale.

L’installazione è semplicissima è rapida anche per un eventuale spostamento di auto.

Attenzione perché l’auto deve avere la predisposizione quindi, se molto vecchia, potrebbe non averla.

Il sistema ISOFIX prevede l’aggancio direttamente al sedile dell’auto.

Sulla base del seggiolino auto sono presenti due connettori universali che vengono inseriti nei corrispettivi ganci presenti tra la seduta e lo schienale del sedile auto.

Dopo aver agganciato il seggiolino auto, il bambino sarà assicurato con le cinture di sicurezza in dotazione al seggiolino per i gruppi 0+ e 1 o dell’auto per i gruppi 2 e 3.

Com’è fatto il sistema di aggancio ISOFIX

La maggior parte dei seggiolini auto di nuova generazione ha l’aggancio ISOFIX incorporato, questo vuol dire che è venduto in dotazione.

Fate attenzione che lo abbia e comunque è un fattore importante da considerare per valutare il costo, se compreso o meno.

In ogni caso l’aggancio ISOFIX può presentarsi nei seguenti modi:

– integrato nel seggiolino auto, i connettori sono estraibili nella parte in basso e posteriore del seggiolino e vanno agganciati nei punti predisposti nel sedile dell’auto.

Inoltre il seggiolino auto deve avere la cinghia di stabilizzazione Top Tether quale terzo punto di ancoraggio all’auto.

La cinghia passerà nella parte alta del seggiolino e nel punto di ancoraggio presente nell’automobile (assicuratevi che la vostra auto abbia la predisposizione di entrambe).

Un seggiolino auto di questo genere è Peg Perego seggiolino da viaggio 1-2-3 Via gruppo 1/2/3 (9-36 kg);

– base in dotazione al seggiolino auto.

La base è staccata o attaccata al seggiolino auto con i connettori ISOFIX e il piede di supporto simile ad una gamba anteriore (chiamata support leg) per ancorarla.

Il support leg è fissato perpendicolarmente al pavimento dell’auto (tra il sedile posteriore e quello anteriore) in modo che sia stabile.

Assicuratevi per questa opzione di avere lo spazio necessario tra i due sedili e che non ci siano ostacoli per posizionare il support leg.

Un esempio di questo tipo è il seggiolino Isofix OXALIS Nania giratoria 360° con gamba stabilizzatrice regolabile – Gruppo 0+/1/2/3;

– base ISOFIX venduta separatamente dal seggiolino auto e quindi da considerare nella valutazione dei costi.

La base si presenta come la precedente, quindi, ha i connettori nella parte posteriore e il support leg (gamba) per ancorarla stabilmente e perpendicolare al pavimento dell’auto tra il sedile posteriore e quello anteriore.

Vale lo stesso consiglio di accertarvi che la vostra auto abbia lo spazio necessario tra i due sedili e che non ci siano ostacoli per mettere il support leg.

Se lo acquistate separatamente sappiate che ogni marca ha il proprio aggancio e base ISOFIX e anche se in commercio trovate le basi “universali” non vi è garantita la sicurezza.

Un esempio di questo genere è Peg Perego Isofix-Base 0+1 Ti-Fix che usiamo su una delle due auto che abbiamo.

Posso dirvi che per l’ovetto è comodissimo e semplice da sganciare in qualsiasi momento mentre sull’altra auto lo abbiamo montato con le cinture di sicurezza dell’auto e ammetto che sganciare l’ovetto è assurdo quindi sconsigliato.

Base Isofix del seggiolino auto
Base Isofix del seggiolino auto
Omologazione sulla base Isofix del seggiolino auto
Omologazione sulla base Isofix del seggiolino auto
Support Leg base Isofix del seggiolino auto
Support Leg base Isofix del seggiolino auto

Compatibilità dell’ISOFIX con l’auto

I seggiolini auto omologati ECE R44/04 possono essere compatibili con l’auto in tre modi:

– ISOFIX universale, è utilizzato sulle auto che prevedono il sistema di aggancio ISOFIX (specificato nel libretto auto).

I connettori ISOFIX s’inseriscono nei ganci di acciaio collocati nel sedile dell’auto tra la seduta e lo schienale.

L’universalità è data dalla presenza del Top Tether quale terzo punto di aggancio.

– ISOFIX semi-universale, che utilizza il piede di supporto detto support leg come terzo punto di ancoraggio.

– ISOFIX veicolo specifico, che è un sistema possibile solo per determinate auto, per un determinato posto a sedere e per un determinato seggiolino auto.

Questa specifica destinazione deve essere indicata in modo dettagliato dal produttore dell’auto sulle caratteristiche del modello di sistema di ritenuta, in modo che risulti compatibile con l’auto.

Per il gruppo 2/3 e il gruppo 1/2/3 si servono, oltre ai connettori ISOFIX, del terzo punto di bloccaggio delle cinture dell’auto e non del Top Tether o del support leg previste invece per l’omologazione ISOFIX ECE R44/04 per il gruppo 0+ e 1.

Come scegliere un seggiolino auto

Per scegliere un seggiolino auto è importante avere una direzione di scelta sulla categoria e quindi su quale gruppo preferite andare.

Dopo aver capito la direzione, è bene farsi un’idea dei seggiolini consigliati al momento, scremando ulteriormente.

Sulle possibili scelte cercate le recensioni sui forum o i gruppi di questo genere, chiedendo a chi l’ha già acquistato come si trova ed eventuali pecche che possono avere.

Valuterete voi se sono da considerare importanti o meno.

In ultimo, ma non per ultimo come importanza, considerate fra le vostre scelte la qualità-prezzo.

Come già detto più volte, per la sicurezza di un figlio non fermatevi al prezzo conveniente ma considerate la qualità-prezzo.

Caratteristiche per la scelta del seggiolino auto

Quando valutiamo l’acquisto del seggiolino auto dobbiamo considerare alcune caratteristiche importanti.

Naturalmente, più opzioni e una migliore qualità, prevedono un costo più alto del prodotto.

Il costo dipende dal vostro budget ma non trascurate alcune cose importanti.

Essendo un prodotto che stiamo valutando per la sicurezza di nostro figlio, vi suggerisco alcune caratteristiche:

– il tessuto del seggiolino auto può essere traspirante o sintetico (nella maggioranza dei casi perché li potete trovate in qualsiasi tessuto).

Noi stiamo considerando un utilizzo confortevole per nostro figlio considerando che usiamo molto l’auto e a volte viaggiamo con la stessa.

Per noi avere un tessuto traspirante, è l’opzione migliore perché per il periodo freddo possiamo sempre mettere una copertina per coprirlo.

In caso il seggiolino che scegliete non lo abbia esistono delle coperture traspiranti universali (un esempio lo potete vedere cliccando il link), da applicare sopra il seggiolino auto ma i costi da considerare sono intorno ai 25 euro.

Altrimenti le coperture traspiranti le trovate di ogni marca, differenti per ognuna e si aggirano intorno ai 50 euro.

Un esempio può essere quello della Peg Perego, semplicemente perché noi abbiamo quel seggiolino Gruppo 0 e lo stavamo valutando, il Peg Perego Clima Cover Viaggio 1-2-3 Via;

– il poggiatesta regolabile in base all’altezza del bambino e con l’imbottitura adattabile alla forma della testa;

– lo schienale reclinabile, non tutti hanno questa possibilità ma credo che per affrontare uno spostamento lungo aumenti il confort durante il sonno del nostro bambino.

Alcuni seggiolini che stavamo valutando hanno 2-3 impostazioni da scegliere in base al tragitto…da non sottovalutare come caratteristica.

Un esempio di questo genere è il seggiolino auto Chicco Unico Evo I-Size seggiolino auto 0-36 kg Isofix girevole a 360° e reclinabile – Gruppo 0+/1/2/3;

– i laterali imbottiti che si possano allargare per maggiore ampiezza in modo che si adatti alla corporatura del bambino;

– le cinture di sicurezza del seggiolino per il gruppo 1 (il gruppo 2/3 usano le cinture di sicurezza dell’auto) a 3 o 5 punti e regolabili in altezza;

– il materassino riduttore per il gruppo 1 che sia ergonomico;

– i braccioli che siano rinforzati;

– il sistema di protezione in caso d’impatto laterale es. ASP che è avanzato.

Chiedete informazioni se il seggiolino ha uno di questi sistemi di protezione;

– il Top Theter che è una cinghia di stabilizzazione, un terzo punto di ancoraggio al seggiolino per la sicurezza oltre ai ganci ISOFIX.

Si tratta di una cintura nel retro del seggiolino che si ancora all’auto, se predisposta.

Come abbiamo visto prima, se la base ISOFIX ha il support leg (gamba da ancorare al pavimento dell’auto) non è necessario il Top Theter;

– rotazione possibile in due possibilità, nel senso di marcia e contrario al senso di marcia.

Garantisce per maggior tempo possibile la sicurezza del bambino tenendolo rivolto nel senso contrario a quello di marcia.

– il dispositivo anti abbandono a volte integrato nel seggiolino.

Il dispositivo spesso non integrato deve essere considerato nei costi aggiuntivi del seggiolino auto e obbligatorio per legge.

Noi attualmente usiamo il Tippy ma stiamo valutando di cambiarlo e approfondiremo questo argomento nel prossimo articolo;

– la guida in lingua italiana per la corretta installazione del seggiolino auto e delle cinture che molto spesso sono in lingua straniera;

– le etichette di omologazione arancione che riportino ECE R44/04 o ECE R129.

>>> Leggi anche l’articolo “Seggiolino auto 9-36 kg: guida alla scelta migliore”.

Tippy sul seggiolino Gruppo 0+ non in dotazione sul seggiolino auto
Tippy dispositivo anti-abbandono sul seggiolino auto
Tippy dispostivo anti-abbandono NON in dotazione con il seggiolino auto
Tippy dispostivo anti-abbandono NON in dotazione con il seggiolino auto

I 3 seggiolini auto preferiti al momento

Per le nostre ricerche abbiamo utilizzato cercaseggiolini.it che vi consiglio per avere un quadro generale.

Troverete la classifica dei migliori seggiolini auto al momento, oltre ad alcune informazioni interessanti.

Potete fare la ricerca in modo semplice per: consigliati, valutazione e consigliati, prezzo e consigliati, solo valutazione e solo prezzo.

Le classifiche cambiano in continuazione e quindi potrebbero essere già cambiate.

Un altro suggerimento che posso darvi per la valutazione dei costi è fare un giro su qualescegliere.it.

Vi sarà utile anche per capire le recensioni e il voto di un prodotto, oltre che per avere i dati tecnici.

Per i seggiolini auto gruppo 0+/1/2/3 che si possono usare per 0-36 kg e quindi dalla nascita fino a 12 anni circa, ci sono:

ITURN DUOFIX FOPPAPEDRETTI;

CHICCO UNICO EVO I-SIZE;

MIGO SEGGIOLINO MYO.

Per i seggiolini auto gruppo 1/2/3 che si possono usare per 9-36 kg e quindi dai 9 mesi fino a 12 anni circa, ci sono:

NANIA RACE ISOFIX;

ISOPLUS FOPPAPEDRETTI;

DINAMIK 9-36 FOPPAPEDRETTI.

Per i seggiolini auto gruppo 2/3 che si possono usare da 15-36 kg e quindi dai 3 ai 12 anni circa, ci sono:

CLEVER FOPPAPEDRETTI;

MAXI-COSI KORE I-SIZE;

PEG PEREGO VIAGGIO 2-3 SUREFIX.

Per questa categoria ci sono anche i sedili (detti alzatina) dai costi contenuti che personalmente ho scartato per nostro figlio, ma a qualcuno di voi potrebbe interessare avere qualche idea sui più consigliati e sono:

VIAGGIO 2-3 SHUTTLE PEG PEREGO;

QUASAR PLUS BOOSTER SEAT CHICCO;

BOOSTER BASIC GRACO.

Noi stiamo considerando per il seggiolino auto 1/2/3 anche il CYBEX GOLD PALLAS S FIX o CIBEX PALLAS 2-FIX perché ci stiamo rendendo conto che è molto apprezzato dai genitori.

Quindi, oltre alla Peg Perego, è una delle nostre prime scelte.

Quando faremo la nostra scelta finale vi terrò aggiornati perché ho intenzione di fare un articolo sui pro e contro del seggiolino auto che acquisteremo.

Spero gradirete!

Iscriviti alla newsletter e ricevi il contenuto Premium "Come vivere la giornata in modo positivo"

TI È STATO UTILE L’ARTICOLO? SCRIVIMI NEI COMMENTI E CONDIVIDI SUI SOCIAL

Condividi il post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli pubblicati

EDUCAZIONE POSITIVA: PRINCIPI E BENEFICI
Ricominciare

Educazione positiva: Principi e benefici

L’educazione positiva è una filosofia educativa che offre ai genitori un approccio alternativo verso i propri figli attraverso la comprensione e l’empatia.