Torre montessoriana: guida alla scelta in 5 minuti

Torre montessoriana
La torre montessoriana aiuta il nostro bambino a svolgere attività in casa in modo indipendente e sicuro durante la crescita.

Condividi il post

Perché parliamo di Torre montessoriana?

Semplice, perché il nostro bambino cresce e inizia a voler svolgere da solo tutte le attività che facciamo noi genitori.

Per il bambino svolgere le attività all’altezza degli adulti è possibile, l’importante è che sia in sicurezza.

Quando il bambino inizia a muoversi, vuole scoprire ciò che lo circonda e imitare le azioni quotidiane di noi adulti.

Per imitarci spesso si arrampica sulla sedia o addirittura sul tavolo.

Usare una struttura come la torre montessoriana, simile a uno sgabello, gli permette di crescere in autonomia continuando a sperimentare con maggiore sicurezza.

In questa guida vediamo cosa sapere sulla torre montessoriana, a cosa serve per il bambino e come scegliere la migliore prima dell’acquisto.

Torre Montessoriana: guida alla scelta in 5 minuti
Torre Montessoriana: guida alla scelta in 5 minuti

Iscriviti alla newsletter e ricevi il contenuto Premium "Come vivere la giornata in modo positivo"

Cos’è la torre montessoriana

La torre montessoriana è un supporto simile a uno sgabello con la scaletta e a forma appunto di torretta che, nella parte alta dove il bambino svolge le attività solitamente in piedi, è circondata da una barriera di protezione per evitare che cada.

Perché si chiama torre montessoriana

La torre è ispirata al metodo Montessori che promuove l’indipendenza e l’autonomia del bambino.

Il metodo Montessori è in uso dal 1907 ed è ormai usato come metodo di educazione in tutto il mondo.

>> Leggi anche l’articolo “5 lettini per bambini” dove trovi informazioni sul lettino montessoriano.

Chi era Maria Montessori

Il nome completo è Maria Tecla Artemisia Montessori, nata nel 1870, ed è nota per aver creato il metodo omonimo.

La Montessori è stata un’educatrice, una pedagogista, una filosofa, un medico, una neuropsichiatra infantile e una scienziata italiana.

Il metodo Montessori, conosciuto in tutto il mondo, prevede che il bambino cresca in modo autonomo e indipendente.

Che cosa diceva Maria Montessori sui bambini

Il metodo di Maria Montessori si basa sulla fiducia verso il bambino, il quale messo in condizione, possiede le abilità necessarie per fare le attività quotidiane in modo autonomo e indipendente.

Puoi trovare altre informazioni nell’articolo “Giochi Montessori 6-12 mesi”.

Com’è la torre montessoriana originale

La torre originale è semplicemente uno sgabello di legno.

Se pensiamo che in origine fosse usato alla fine del 1800, è facile immaginare la sua semplicità.

Un piccolo rialzo di legno come sgabello che serviva ai bambini per svolgere le attività quotidiane in casa.

I bambini crescevano sicuramente più in fretta di oggi e dovevano aiutare nelle faccende di casa i genitori, quindi questo sgabello era utile per raggiungere l’altezza di un adulto e fare ad esempio i piatti, apparecchiare la tavola, sistemare gli oggetti in casa, ecc.

A cosa serve la torre montessoriana

Il bambino con l’utilizzo della torre montessoriana, può sperimentare e svolgere azioni in modo indipendente e senza l’aiuto del genitore, come ad esempio: lavarsi i denti, aiutare a impastare il pane, lavarsi le mani e la faccia, riporre un oggetto nel mobile, insomma tutte le attività che svolgiamo quotidianamente in una casa.

Questo supporto favorisce la logica dell’inclusione, lo sviluppo della manualità e delle capacità cognitive, permettendo al bambino di raggiungere in casa, le zone inaccessibili per la sua altezza.

Spesso il bambino vuole imitare l’adulto mentre svolge qualche faccenda in casa, per capire come fare e per non sentirsi isolato.

Ti è mai successo con il tuo bambino?

È un momento molto bello di condivisione tra genitore e figlio utile anche per la crescita e la fiducia del bambino.

Riuscendo a svolgere da solo un compito, il bimbo acquisterà maggiore fiducia in se stesso, aumentando l’autostima.

Quale attività condividere con il bambino

Ecco alcune attività da condividere con il tuo bambino durante la quotidianità:

1. preparare l’impasto del pane insieme

2. fare una pizza insieme

3. preparare una torta insieme

4. riporre tovaglie e strofinacci in un cassetto

5. pulire la verdura con le mani

Queste piccole attività non sono rischiose per il bambino se svolte in sicurezza.

Sono attività che si fanno sul tavolo e basta che il bambino possa trovarsi alla stessa altezza del genitore per condividerle insieme.

In questo modo il bambino impara anche l’ordine e la pulizia con l’esempio di un genitore.

Da quando si usa la torre montessoriana

La torre, chiamata anche di apprendimento, si usa dai 18 mesi in su del bambino e in presenza di un adulto anche se sicura.

Puoi inserirla nell’area giochi in casa per il tuo bambino, che sono sicura apprezzerà moltissimo.

>>> Leggi anche l’articolo correlato “Area giochi per bambini 0-5 anni in casa: come creare una zona ricreativa”.

Fino a che età si può usare la torre montessoriana

La torre di apprendimento classica si utilizza fino a 3-4 anni di vita ma esistono alcuni modelli regolabili in altezza che si possono usare fino ai 6 anni di età.

Come scegliere la migliore torre montessoriana

Per scegliere la migliore torre montessoriana devi considerare alcuni fattori utili a garantire sicurezza e affidabilità al bambino e sono:

1. i sistemi di sicurezza

2. i materiali

3. il peso

4. le dimensioni

5. che sia regolabile in altezza

6. che sia convertibile o evolutiva possibilmente

7. la marca affidabile

Ora ti spiego meglio ogni fattore singolarmente.

Iscriviti alla newsletter e ricevi il contenuto Premium "Come vivere la giornata in modo positivo"

La sicurezza

La sicurezza della torre montessoriana è il fattore più importante da considerare.

I sistemi di sicurezza sono studiati proprio per garantire al prodotto una protezione completa del bambino.

Ci sono diversi sistemi di sicurezza testati per questo prodotto come:

1. l’anti-caduta e l’antiribaltamento;

2. le este e i pezzi rinforzati della struttura;

3. i fermi di sicurezza per assicurare la torre durante l’utilizzo ad es. alla parete piuttosto che al piano di lavoro in modo da non muoversi durante l’uso del piccolo;

4. la superficie antiscivolo;

5. le barriere laterali che assicurano la protezione sui 4 lati della torretta per evitare le cadute del bambino.

I materiali

Il materiale usato per realizzare la torre di apprendimento è solitamente il legno, di pino o di betulla, proprio perché sono ispirati al metodo Montessori che predilige il materiale naturale.

In commercio esistono alcuni modelli di plastica ma che sinceramente io non sceglierei per mio figlio.

Tu cosa ne pensi?

È importante considerare il materiale di questo prodotto perché deve garantire robustezza e resistenza per la sicurezza del piccolo.

La struttura di legno deve essere ben levigata per evitare le schegge sulla superficie che tocca il bambino.

Quando si tratta di prodotti per bambini, è sempre essenziale che siano utilizzate vernici, cere ecologiche e atossiche.

Questi dati devono essere riportati obbligatoriamente sul prodotto quindi controlla sempre che ci siano prima di acquistarlo.

Il peso

La torre montessoriana è preferibile che sia leggera per essere spostata e trasportata facilmente dal bambino.

Considera che la torre sia usata tra la cucina, la zona giorno e il bagno per svolgere le diverse attività e quindi spostata continuamente.

Le dimensioni

Le dimensioni della torre di apprendimento dipendono dallo spazio in casa.

Se lo spazio a tua disposizione è ampio, non ci sono limiti di dimensione ma, se al contrario lo spazio è ridotto, come nel mio caso, devi fare attenzione a scegliere un modello che non sia ingombrante.

Ci sono modelli salvaspazio che sono compatti ed evitano un ingombro eccessivo durante l’utilizzo, quindi controlla prima dell’acquisto, le misure a tua disposizione in casa per evitare sorprese.

Regolabile in altezza

Questo è un elemento a mio parere importante, perché la possibilità di regolare in altezza la torre di apprendimento è essenziale per consentire al bambino di svolgere un’attività in modo adeguato e comodo.

Questo sistema è creato proprio per seguire la crescita del bambino e regolare l’altezza su 3-4 misure che, solitamente prevedono una distanza da terra di 30, 40 e 50 centimetri.

Convertibile o evolutiva

Le torri di apprendimento odierne hanno la possibilità di essere convertibili in un altro utilizzo oltre a quello di supporto a torretta.

Le migliori torri si possono convertire diventando evolutive per seguire le fasi di crescita del bambino, trasformandosi in una panchina, una pedana, un tavolo con sgabello, una scrivania, una lavagna o addirittura in uno scivolo.

La marca

La marca di un prodotto è sinonimo di affidabilità e sicurezza e quindi è un fattore importante.

Le marche più apprezzate per la torre montessoriana sono:

1. Stokke

2. Foppapedretti

3. Bianconiglio Kids

4. Prenatal

Torre montessoriana e quanto costa
Chiede l’approvazione se va bene alla mamma

Quanto costa una torre montessoriana

Una torre montessoriana ha un costo che parte da circa € 85,00 e arriva fino a € 315,00 circa.

In media un prodotto di buona qualità e convertibile durante la crescita, si aggira sui € 130,00 circa.

Il prezzo varia in base alla qualità dei materiali usati e alla possibilità di usarlo in altri modi.

Come fare una torre montessoriana fai-da-te

Una torre di apprendimento classica, essenzialmente è uno sgabello con gli scalini per far salire il bambino in autonomia e circondato da una ringhiera di protezione nella parte alta, quindi per gli amanti del fai-da-te con il legno, si può creare prendendo:

1. una scaletta di legno con 2 scalini già pronta

2. un listello di legno a forma di quadrato, lungo almeno 3 metri e largo almeno 5 centimetri da tagliare

3. viti da legno

4. trapano, sega e avvitatore

Tagliate il listello di legno in 4 pezzi con lunghezza di 40 cm l’uno.

Realizzate con i listelli una gabbia quadrata, con lunghezza e larghezza uguale al gradino superiore della scaletta.

Collegate i listelli tra loro e montate la gabbia sulla scaletta, usando le viti.

Sulla parte superiore fissate la protezione-ringhiera per evitare le cadute che si può fare con un listello oppure con 3-4 listelli (se possibile il lato dove sale deve avere il listello che si apre e si chiude per comodità) che dovranno circondare i lati dove il bambino svolge l’attività.

Pensi di esserne capace?

Ti lascio un simpatico video di un papà che mostra come ha fatto una torre montessoriana fai-da-te.

Dove comprare la torre montessoriana

La torre montessoriana o di apprendimento si può comprare comodamente online su:

1. Amazon

2. Etsy.com

3. BianconiglioKids.eu

4. Elobaby.net

5. LittleParners.com

Se preferisci comprarla in un negozio puoi trovarla da Prenatal e da Bimbo Store.

Le 5 migliori torri montessoriane

Le 5 migliori torri montessoriane per un bambino sono:

1. ully Natural by moblì – in legno naturale e prodotta in Toscana.

È stata progettata da educatori seguendo i principi Montessori e con ripiani regolabili.

Il legno è levigato a mano ed ha il sistema “Safe Step” che consente di rimuovere la pedana e di adattarla all’altezza del bambino durante la crescita.

Questa torre è leggera, salvaspazio e antiscivolo molto apprezzata per la buona manovrabilità.

2. MEOWBABY – una torre di apprendimento con lavagna made in EU fatta con legno di pino  e rivestito in cera ecologica a base di olio e resina, sicura per i più piccoli.

Adatto per i bambini dai 2 anni ai 30 kg di peso.

3. Bianconiglio Kids – regolabile e con i bordi arrotondati.

Ha le certificazioni CE – EN71 per giocattoli a vernici atossiche e legno certificato da coltivazioni sostenibili.

I sistemi di sicurezza sono: fermapiede antiscivolo, piano avvitato, angoli arrotondati, anti-scavalcamento e fori laterali che evitano al bambino di scivolare fuori dalla torre o incastrarsi con la testa.

4. Dripex Torre di apprendimento per bambini – con scala montessoriana, learning tower con lavagna, trasformabile in banco scuola..

Realizzata in compensato di betulla con superficie liscia e stabile.

Grazie al suo kit di assemblaggio, il montaggio è semplice e veloce.

5. Stepup Baby – torre montessoriana, supporto per cucina, gradini regolabili con binario di sicurezza.

Prodotto di legno massello naturale e levigato.

Adatto ai bambini dai 18 mesi ai 5 anni di età e corredato di barra di sicurezza posteriore.

Lo sgabello è regolabile.

Pulizia e manutenzione della torre montessoriana

La torre di apprendimento è usata quotidianamente e deve essere pulita e igienizzata.

Il bambino lo utilizza in moltissimi modi e può macchiarla e sporcarla anche con pennarelli oltre che con il cibo.

Puoi pulirla con un panno umido essendo in legno (la maggior parte) e ogni tanto fargli un trattamento con la cera d’api (in mancanza con l’olio).

Il supporto è usato dal bambino quindi è meglio non utilizzare prodotti chimici, eventualmente puoi aggiungere poco aceto all’acqua in una bacinella e immergere il panno strizzandolo accuratamente.

Conclusioni

La torre montessoriana può essere un grande aiuto per il nostro bambino.

Può aiutarlo a essere autonomo e indipendente durante la crescita in totale sicurezza e imparare le attività quotidiane della propria casa ma ricorda che la presenza del genitore è indispensabile.

Ci permette di svolgere delle attività insieme a nostro figlio come impastare il pane o la pasta, una cosa davvero simpatica da condividere.

L’importante è considerare e valutare i fattori di una buona torre per l’apprendimento, prima di acquistarla e poi… …buon divertimento!

Iscriviti alla newsletter e ricevi il contenuto Premium "Come vivere la giornata in modo positivo"

TI È STATO UTILE L’ARTICOLO? SCRIVIMI NEI COMMENTI

Condividi il post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli pubblicati

EDUCAZIONE POSITIVA: PRINCIPI E BENEFICI
Ricominciare

Educazione positiva: Principi e benefici

L’educazione positiva è una filosofia educativa che offre ai genitori un approccio alternativo verso i propri figli attraverso la comprensione e l’empatia.